banner ad

‘STRISCE INVISIBILI, PEDONI A RISCHIO’

| 23 marzo 2017 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Il presidente dell’ associazione ‘Sportello dei diritti’ Giovanni D’ Agata ci scrive______

A distanza di quasi due mesi dall’allarme lanciato dallo Sportello dei Diritti e da diversi investimenti di cittadini, Lecce rimane la città delle strisce pedonali invisibili.

Solo il 1 febbraio scorso denunciavamo attraverso un reportage fotografico inoltratoci da un cittadino, la situazione delle strisce pedonali a Lecce che risultano pressoché invisibili sulla gran parte delle vie urbane ed anche nelle zone centrali, non sussistendo quasi nessuna differenza tra strade trafficate e meno.

Ora a distanza di quasi due mesi e l’appello lanciato dallo “Sportello dei Diritti” all’amministrazione non è seguita alcuna attività di adeguamento degli attraversi pedonali, con la conseguenza che alcuni investimenti susseguitisi sino ai giorni scorsi proprio sulle “zebre”, potevano senz’altro essere evitati se e solo se si fosse proceduto con la tinteggiatura periodica, senz’altro necessaria dopo il periodo invernale e le piogge. Lo stesso cittadino, quindi, ha deciso di riprendere la propria macchina fotografica per documentare nuovamente la situazione nelle centralissime zone ricomprese tra via Trinchese, piazza S. Oronzo e piazza Mazzini, ove oltre all’”invisibilità” o scarsa visibilità delle strisce pedonali sono desumibili una serie di ostacoli al transito di chi sceglie di percorrere a piedi le vie del centro.

Insomma, una situazione che si perpetua da parte di un’amministrazione che si decanta per le “grandi opere” e continua a trascurare permanentemente il “quotidiano” ed in particolar modo la sicurezza della circolazione stradale che sarebbe semplicemente garantita con lavori di manutenzione regolari che assicurino la visibilità e la corretta fruibilità degli attraversamenti pedonali.

 

Category: Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento

banner ad
banner ad