banner ad

LA PARTITA / SUPER MARIO…PACILLI FIRMA IL GOL DEL PAREGGIO / SI VA AD ALESSANDRIA A FAR PREVALERE I COLORI DEL SALENTO

| 31 maggio 2017 | 0 Comments

di Antonella Elefante______ Il “Via del Mare” di Lecce alle 20.30 ha aperto le porte all’Alessandria per disputare la gara di andata dei quarti di finale. È stata una partita abbastanza movimentata e sentita da ambedue le squadre, le stesse che non sono riuscite ad ottenere l’accesso diretto in serie B e si sono piazzate al secondo posto neri rispettivi gironi del campionato di Lega Pro.
Vediamo come è andata ‘stasera.

Formazioni:

Lecce: Perucchini, Mancosu, Cosenza, Arrigoni, Costa Ferreira, Lepore, Pacilli, Giosa, Caturano, Ciancio, Doumbia. Allenatore: Rizzo.

Alessandria: Vannucchi, Celjak, Manfrin, Cazzola, Nicco, Marras, Gonzalez, Sosa, Guzzi, Branca, Bocalon. Allenatore: Pillon.

Arbitro: Edoardo Paolini di Ascoli Piceno accompagnato dagli assistenti Filippo Bercigli di Valdarno e Andrea Trovatelli di Pistoia. Con loro un IV ufficiale di gara, Vincenzo Valiante di Salerno.

CRONACA

Primo tempo.
Le squadre entrano in campo. Già al diciottesimo secondo si accendono gli animi: Caturano viene letteralmente travolto da un giocatore avversario e finisce a terra, ma il gioco continua tranquillamente.
Al 3′ arriva la prima occasione per il Lecce: Doumbia, proprio davanti la porta, calcia out.
Al 13′ ci prova l’Alessadria con Marras che tenta di calciare di prima intenzione ma calcia out.
Altra possibilità per il Lecce: al 18′ arriva una rovesciata quasi impossibile di Pacilli che sembrava entrasse in porta, invece affianca il palo destro della porta avversaria. Annullata la possibilità di vantaggio per i giallorossi.
Al 24′ ci riprova Costa Ferreira ma commette un errore clamoroso: era quasi da solo in direzione della porta avversaria, calcia ma il tiro è troppo alto.
Al 30′ la prima occasione significativa per gli avversari: Marras porta in vantaggio l’Alessandria. Perucchini aveva già fermato prima Bocalon e poi Gonzales ma non è riuscito a fermare Marras. È accaduto tutto in pochissimi secondi: i giallorossi hanno cercato di aiutare Perucchini, entrando in porta, ma Marras è riuscito a trovare un piccolo spazio per mettere a segno il gol del vantaggio.
Viene assegnato 1′ di recupero ma non sufficiente per raggiungere il pareggio. Il primo tempo, infatti, finisce 1-0 per l’Alessandria.

In questo prima frazione, gli avversari sono stati molto fallosi, ma non è arrivato nessun cartellino, seppur i giallorossi lo abbiano esplicitamente chiesto all’arbitro.

Secondo tempo
Le squadre rientrano in campo.
Inizia da subito a pressare il Lecce, per potersi riscattare del gol subito nel primo tempo. Al 52′ ci prova Costa Ferreira ma viene fermato da Vannucchi anche se costretto a distendersi.
Il gol è nell’aria. Si sente e si vede. Si vede proprio al 53′ e ha la firma di Mario Pacilli. Il giocatore giallorosso riesce a gonfiare la rete avversaria e firma il pareggio. I piemontesi inveiscono contro il IV ufficiale di gara e con l’arbitro per non aver fermato il gioco, visto che Vannucchi era a terra. Da accertarne il motivo: a suo dire aveva subito una carica;  pare, oltretutto, che sia stato colpito alla mano da qualche giocatore, perchè la toccava continuamente.
I piemontesi continuano ad essere molto fallosi anche in questo secondo tempo ma, per fortuna, arriva la prima ammonizione ( Manfrin 55′) a cui ne segue una seconda e ultima del match (Cazzola 70′).
Al 72′ arriva anche il primo cambio del match: per l’Alessandria entra Evacuo al posto di Bocalon.
Al 75′ arriva il cambio anche per la squadra di casa: esce proprio l’autore del pareggio,Pacilli, ed entra Torromino.
Segue una serie di cambi per il Lecce: al 77′ entra Marconi per Caturano; all’ 84′ entra Fiordilino per Arrigoni.
Negli ultimi 5′ dei 90′ di gioco, segue una serie di cambi anche per la squadra ospite: all’ 85′ entra Sestu per Marras; al 90′ entra Fischnaller per Gonzalez.

Vengono assegnati 4′ di recupero: si continua fino al 94′ ma non arriva il secondo gol da nessuna delle due squadre, arriva solo il triplice fischio arbitrale e le squadre si rifugiano nello spogliatoio, con la promessa di rivedersi domenica 4 giugno allo stadio “Moccagatta” di Alessandria.

Tutto sommato è stata una bella partita, anche se i piemontesi sono stati sempre presenti e non hanno lasciato respirare neanche un secondo la squadra di casa. Probabilmente il risultato raggiunto non è stato quello che i tifosi speravano, ma è un buon punto di partenza per partire (appunto) per Alessandria!

Tags: ,

Category: Sport

Lascia un commento

banner ad
banner ad