banner ad
banner ad
banner ad

GENITORI DISPERATI A MESAGNE PER I FIGLI DROGATI. INDAGINI DI UN ANNO, ‘STAMATTINA SGOMINATA LA BANDA DI PRESUNTI SPACCIATORI NEL CENTRO STORICO

| 19 luglio 2017 | 10 Comments

(g.m.)______Sgominati i presunti pusher di Mesagne (nella foto). Secondo l’ accusa, erano loro a gestire la piazza del centro di hashish e marijuana, anche per consumatori minorenni, insensibili alle conseguenze negative e spesso tremende  che la droga sempre ha, sia sui consumatori, sia sulle loro famiglie.

Molti genitori disperati, più che esasperati erano andati per mesi a lamentarsi in commissariato.

Lo spaccio era a cielo aperto, praticamente senza soluzione di continuità, nelle vie del centro storico, adiacenti ad alcuni scantinati, dove era custodita la droga e venivano preparate le dosi.

Il gip del Tribunale di Brindisi ha emesso le ordinanze di custodia cautelare, richieste dal pubblico ministero Milto Stefano De Nozza, nei confronti di dieci persone, otto di Mesagne, una di Brindisi e una di Bari, eseguite all’ alba di questa mattina.

Proprio da quest’ ultima, ritenuto il fornitore, Simone Schingaro, 51 anni, detto “Pinuccio u Sghign”, con precedenti specifici, sono partite le indagini: si trovava già in carcere, per un’ altra vicenda, relativa ad un’ estorsione ai danni di un imprenditore.

Oltre a lui, le ordinanze riguardano Americo Pasimeni, 46 anni; Andrea Pagliara, 35; Ettore Salati, 43 anni; l’ omonimo Ettore Salati, 48 anni; Carmelo Leuzzi, 48 anni, Vittorio Pignatelli, 44 anni; Rossana Salati, 48 anni; Davide Melacca, 37 anni, e Bruno Petarra, 36 anni.

Category: Cronaca

Comments (10)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Tommaso scrive:

    La cosa che mi colpisce è Molti genitori esasperati erano andati per mesi a lamentarsi in commissariato. E ne fai passare anche uno?! Siccome non siamo marziani non è che questi meno di niente da quello che poi si viene a sapere lo stesso, erano amici di qualche ufficio?

  2. Gianluca V. scrive:

    Questo è una COPIA E INCOLLA del caso ni Noemi, cambia solo che non è su tutte le televisioni e non ci sono gli ispettori del ministero in giro!

  3. Cristina scrive:

    Posso assicurarvi che questa gente è lo schifo di Mesagne! non valgono niente, altrimenti non avrebbero fatto queste cose, a Lecce per quello cui abbiamo assistito per molto meno, non durerebbero tanto per esempio…

  4. Franco scrive:

    Se fosse capitato in casa mia, con i miei figli! e i miei soldi! state tranquilli che non avrei aspettato la polizia che arriva in ritardo.
    Non penso che posso essere smentito da nessuno.

  5. Maria scrive:

    Non penso che si sia tanto da approfondire su elementi del genere menomale che ci pensa il carcere ma fanno schifo anche fuori è bene che si sappia dando per scontato che un telefono da 500 euro ce l’ahnno.

  6. Marino scrive:

    Genitori disperati per i figli drogati… devono essere LORO ad avere paura per quello che hanno fatto! In questi casi servono a poco le buone parole!
    Ho frequentato Mesagne per lavoro, ho visto, sono stato disturbato… e li ho molti amici che conoscono meglio di me questi esseri insignificanti: questi qui credono che la gente abbia paura di loro… e ce anche da dire che sono merce prelibata x quelli che li usano, nella fattispecie chi cerca i voti, roba che gli hanno pagato pure la corrente quando qualche elettricista compiacente gli ha messo la calamità al contatore! perché da soli non sanno andare neanche al supermercato! secondo la regola perfetta che uno scemo vale almeno 5 voti…

  7. Mary scrive:

    Lo schifo di un paese che ha molte potenzialità.
    Un peccato che non si riescono a liberare di 10 idioti di volta in volta.

  8. Isabella scrive:

    Vorrei sapere se tu conosci gente che mette in conto di farsi la prigione per personaggi del genere…

  9. Luigi scrive:

    C’è anche un’altra variante, ovvero che chi fa queste cose non può andare neanche al supermercato da certe parti.

  10. Il ragzzo di... scrive:

    Devono essere disperati loro quando escono… non i genitori, gli zii, i fratelli o semplici conoscenti di chi hanno rovinato o solamente pensato di farlo…
    Casomai credono che potrano mettersi agli angoli a chiedere pedaggi alla gente e ai turisti facendo pesare quest arresto…
    Casomai credono che certe facce e certi nomi la gente se li dimentica…

Lascia un commento

banner ad
banner ad