banner ad
banner ad
banner ad

GALLIPOLI: VIETATO IL VOLANTINAGGIO E LE AFFISSIONI SELVAGGE

| 5 agosto 2017 | 1 Comment

Dal Comune di Gallipoli riceviamo e volentieri pubblichiamo_______Gallipoli, sulla pubblicità, come va regolata e organizzata è ancora all’anno zero.
Le aziende salentine del settore, che si sono recate presso gli uffici competenti in materia di pubblicità, si sono trovati di fronte funzionari che hanno saputo solo dire che il Comune ha bisogno di soldi, e che questa è la loro ed unica preoccupazione.
Nonostante ciò, però bisogna dire che
il Sindaco cerca di correre ai ripari per porre rimedio all’abusivismo dilagante.
Nel caso di Gallipoli, a differenza di Lecce e di altri comuni compiacenti nei confronti degli ipermercati, non si è guardato in faccia a nessuno ed è stata emessa un’ordinanza che, di fatto,  vieta il volantinaggio.
“L’ordinanza contro il volantinaggio e le affissioni selvagge sta avendo i dovuti effetti.
Si è infatti conclusa- scrivono dal Comune di Gallipoli-  da poco l’operazione che, in data odierna, ha visto il corpo di Polizia Municipale impegnato in una serie di controlli sul Corso Roma di Gallipoli.
Al fine di perseguire, in modo rigoroso, una politica di tutela ambientale a salvaguardia del decoro urbano, nonché dell’igiene e della sanità pubblica, in riferimento all’ordinanza 122/2017 sono stati rimossi oltre 300 manifesti abusivi e notificate oltre 20 violazioni.
Si ricorda che, nell’intero territorio comunale, è vietato a tutte le attività economiche e/o aziende, di effettuare pubblicità, mediante volantinaggio e/o affissione e/o apposizione di manifesti, su pali dell’illuminazione pubblica e della segnaletica stradale, sugli alberi, sulle spiagge libere, nonché sui muri o qualsiasi altro posto e struttura, non regolarmente autorizzati.

Allo stesso modo, non è permesso distribuire e/o lasciare, volantini, depliants, manifesti, opuscoli pubblicitari o altro materiale pubblicitario sotto le porte di accesso, sugli usci e negli androni delle abitazioni private, sul parabrezza o lunotto delle autovetture e, comunque, su tutti gli altri tipi di veicoli.

Inoltre, qualora i volantini pubblicitari vengano rinvenuti sul suolo pubblico, sui parabrezza o lunotti dei veicoli in sosta o all’interno dei pubblici edifici, ed in tutti i casi di inosservanza delle disposizioni, i trasgressori materiali della violazione saranno soggetti al pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria da € 50,00 ad € 500,00.

Dichiarazione Sindaco Stefano Minerva:

“Il caldo non ferma la nostra politica volta al miglioramento e alla legalità: oggi la Polizia Municipale, in un’operazione a salvaguardia del decoro pubblico, ha svolto uno straordinario lavoro lungo il corso principale della città.

La rimozione dei manifesti abusivi è un segnale chiaro per tutti i futuri trasgressori: gli illeciti non rimarranno impuniti. Le ordinanze sono fatte per essere rispettate e se qualcuno pensa che a Gallipoli ci si possa permettere qualsiasi cosa allora si sbaglia notevolmente: torno a dirlo, i controlli continueranno, senza sosta.”

 

Category: Politica

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Tramite redazione ha detto:

    Gentili giornalisti,
    invio anche a voi un appello che ho rivolto a tutti i commercianti, gli imprenditori e i cittadini di Gallipoli affinchè la nostra cittadina possa essere pulita e gli scatti che ritraggono qualche cumulo di spazzatura non vadano ad alimentare quella campagna mediatica distruttiva che in questi giorni si sta facendo verso Gallipoli. Ho scritto, rivolgendomi ai commercianti e agli imprenditori, sulla mia pagina Fb personale ma mi auguro che voi possiate dare maggiore risalto e diffusione al mio messaggio.

    “Partiamo dal presupposto che ognuno ha le sue colpe e responsabilità, dall’ amministrazione a noi tutti.
    Però c’è da dire che è più facile mantenere pulito, che pulire. Se tutti i proprietari di locali pubblici ci tenessero un po’ di più a tenere pulito vicino al proprio locale (come tanti già fanno, dando l’esempio quotidianamente e da anni), sicuramente Gallipoli, la nostra amata Gallipoli, sarebbe più pulita, e anche le foto su FB sarebbero del tramonto e non della sporcizia.
    Ognuno di noi Commerciante, Imprenditore e Cittadino, deve essere responsabile dello spazio vicino la propria casa o attività. Chi gode di una concessione a svolgere la propria attività sul suolo pubblico è doppiamente responsabile, e l’amministrazione, in tal senso, dovrebbe sensibilizzare tutti affinché questo avvenga (altrimenti potrebbero compromettere il rinnovo dell’autorizzazione). Questo vale per tutti. Quando pulire gli spazi antistanti le attività sarà la normalità e non un evento talmente straordinario da dedicarci un servizio fotografico, allora, saremo sulla buona strada. Dobbiamo essere tutti uniti in questo, il futuro turistico delle attività e dei lavoratori Gallipolini, dipende solo da Noi.
    Anche perché, il danno d’immagine sarà si di Gallipoli e dei gallipolini, ma soprattutto delle vostre stesse attività.”

    Grazie della vostra attenzione

    dott. Matteo Spada
    pres. Ass. Imprenditori e commercianti di Gallipoli

Lascia un commento

banner ad
banner ad