banner ad
banner ad
banner ad

ULTIM’ORA / CON TANTI SALUTI ALLA ‘TELEOLOGIA’! IL TAR FRANTUMA LA GIURISPRUDENZA CREATIVA DI ALCIDE MARITATI E AZZOPPA NUOVAMENTE IL SINDACO. L’ ESECUTIVITA’ DELLA SENTENZA E’ IMMEDIATA. CAMBIA TUTTO A PALAZZO CARAFA. ESULTA IL CENTRO DESTRA

| 11 ottobre 2017 | 9 Comments

(g.p.)______Ecco qua, come volevasi dimostrare. Così, adesso, è ancora peggio. Il Tar di Lecce ha dato ragione ai ricorrenti. Il dispositivo della sentenza è stato anticipato già questa sera. Domani seguiranno le motivazioni. E’ ammesso ricorso al Consiglio di Stato, da parte del Comune di Lecce, che aveva scelto di non presentarsi in giudizio, entro venti giorni. Ma l’ esecutività della sentenza di questa sera, arrivata dopo quattro ore di udienza, è immediata.

Lo ha assicurato a leccecronaca.it l’ avvocato dei ricorrenti Pietro Quinto: “Da domani, non appena la sentenza arriverà a sindaco e prefetto, i consiglieri che hanno presentato e vinto il ricorso entrano a pieno titolo a Palazzo Carafa”.

Ne consegue, che ne usciranno quelli di centro – sinistra integrati quale premio di maggioranza a fine luglio con il pronunciamento della commissione elettorale comunale presieduta dal giudice Alcide Maritati, sconfessato in pieno dai suoi colleghi del Tribunle Amministrativo.

E il sindaco si ritroverà senza maggioranza._______

LA RICERCA NEI NOSTRI ARTICOLI DEL LUGLIO SCORSO

http://www.leccecronaca.it/index.php/2017/07/24/ecco-qua-la-giurisprudenza-creativa-anzi-filosofica-cosi-alcide-maritati-ha-dato-il-premio-di-maggioranza-a-carlo-salvemini-proclamati-gli-eletti-ma-i-consiglieri-di-centro-destra-sono-tutti-ass/

http://www.leccecronaca.it/index.php/2017/07/19/ultimora-miracolo-a-lecce-carlo-salvemini-non-e-piu-zoppo-l-ha-guarito-alcide-maritati-arrivato-il-verdetto-della-commissione-elettorale-comunale-presieduta-dal-magistrato-al-centro-sini/

http://www.leccecronaca.it/index.php/2017/07/20/the-day-after-col-nuovo-sindaco-miracolato-e-gli-scenari-dell-immediato-futuro-con-quelli-del-centro-destra-sono-incazzati-neri-e-qualche-spunto-di-riflessione-pure-per-il-movimento-5-stelle/

 

 

Category: Cronaca, Politica

Comments (9)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Paolo Perrone - tramite mail ha detto:

    È un verdetto che rimette a posto le cose e che restituisce alla volontà dei leccesi il valore che merita.
    Se la maggioranza dei cittadini si è espressa chiaramente in un senso, scegliendo gli uomini e le donne da cui farsi rappresentare in Consiglio comunale, è giusto che non ci siano interpretazioni spericolate che rovescino tale espressione.
    Noi mettiamo Lecce e i leccesi al primo posto.
    Per diversi anni abbiamo lavorato a un percorso politico e amministrativo che ha cambiato il volto di questa città e l’ha indubbiamente migliorata.
    Siamo certi di aver consegnato a Carlo Salvemini una Lecce decisamente migliore di quella che avevamo ricevuto e sarà inevitabilmente nostra premura far sì che questa crescita possa continuare.

  2. Saverio Congedo - tramite mail ha detto:

    CONFERMATA LA VOLONTA’ POPOLARE: L’ANATRA TORNA ZOPPA.

    Accolgo con soddisfazione la decisione del TAR di Lecce che conferma quanto gli elettori avevano già democraticamente deciso in campagna elettorale, e cioé che Carlo Salvemini è sindaco di Lecce ma che il centrodestra è maggioranza in Consiglio comunale.

    Viene così confermata della volontà popolare dei circa 26.700 leccesi che hanno riconosciuto al centrodestra la maggioranza al primo turno con oltre il 50% dei voti validi. Insomma, l’anatra torna zoppa.

    Auguri di buon lavoro ai sei consiglieri eletti ed ora entranti e con particolare affetto al giovane neo consigliere di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale Giorgio Pala.

  3. Alessandro Delli Noci - tramite mail ha detto:

    Accogliamo la decisione del TAR, alla quale daremo seguito con un ricorso in appello al Consiglio di Stato, con la certezza che questa decisione – della quale non è ancora disponibile la sentenza con le relative motivazioni, ma solo il dispositivo – non indebolisce il senso di responsabilità nei confronti di tutti i nostri concittadini, di quel 55% di leccesi che ha creduto e crede nel nostro progetto di città e di coloro che dal 25 giugno in poi a quel progetto si sono appassionati.
    Continueremo a lavorare uniti, forti delle nostre idee, del supporto e delle sollecitazioni degli uomini e delle donne che ogni giorno ci chiedono di rendere questa città una città di tutti e per tutti.
    Ci auguriamo che lo stesso senso di responsabilità che sentiamo forte appartenga anche all’opposizione e che si continui a lavorare per il benessere della nostra comunità, senza ostacolare in modo preconcetto le attività del consiglio comunale e delle commissioni.
    Chiediamo ai leccesi di continuare a sollecitarci, a spronarci perché, sebbene in tre mesi tante cose sono cambiate, la strada verso il cambiamento, appena iniziata, è ancora lunga.

  4. Carlo Salvemini - tramite mail ha detto:

    Apprendo che il TAR ha accolto il ricorso avverso l’assegnazione del premio di maggioranza come deciso dalla Commissione Elettorale. È una decisione che naturalmente consideravo possibile – data la complessità di una questione sulla quale si sono misurati avvocati e costituzionalisti – e della quale prendo atto in attesa delle motivazioni della decisione del giudice amministrativo. Che – lo rammento – non mette in discussione la mia elezione ma la composizione del Consiglio comunale. Motivo per il quale non mi sono costituito in giudizio.

    Ora i legali insieme ai consiglieri valuteranno i passi successivi. Da parte mia attendo gli eventi e continuo a lavorare per il bene della città. Come deciso dai leccesi, che mi hanno scelto come loro sindaco.

    I giorni che verranno chiariranno il contesto politico nel quale l’amministrazione che presiedo dovrà misurarsi. E quelle che saranno le scelte e le decisioni più sagge ed utili da prendere nell’interesse della comunità. Non sono sfiduciato o avvilito. Mi sento sempre impegnato a fare bene il mio dovere. Fino a quando valuterò che questo sarà possibile. Andiamo avanti.

  5. redazione ha detto:

    Escono dal consiglio:
    Maria Paola Leucci (Pd), Silvano Vitale (Un’altra Lecce), Giovanni Castoro (Lecce Città Pubblica), Ernesto Mola (Idea per Lecce), Roberta De Donno (Udc), Ermegildo De Giovanni (Cambiamo Lecce).
    Entrano in consiglio:
    Angelo Tondo, Attilio Monosi, Giorgio Pala, Laura Calò, Federica De Benedetto, Paola Gigante.

    Così ora il centro sinistra ex maggioranza ha 14 seggi, le opposizioni 17.

  6. Luigi Vitali, Forza Italia - tramite redazione ha detto:

    Un grande risultato per la democrazia.
    Da oggi, verrà rispettata la volontà popolare che vede la nostra coalizione assolutamente maggioritaria all’interno della compagine istituzionale del Comune. Ai nostri consiglieri di Forza Italia, che potranno finalmente esercitare le funzioni per le quali i cittadini li hanno votati, vanno i nostri migliori auguri di buon lavoro. È una bella giornata per la politica e per quel principio imprescindibile di rappresentanza nelle istituzioni, nel rispetto pieno del risultato emerso dalle urne.

  7. Giorgio Pala - tramite Facebook ha detto:

    La giustizia ha trionfato.
    Il TAR si è espresso, sono Consigliere Comunale dopo 2 mesi e mezzo terribili.
    Ora potrò rendere onore a 617 persone che hanno creduto in me.
    Scusate se oggi non vi risponderò, ma sono senza parole per la felicità.
    P.S. nessun commento contro i 6 ex consiglieri che perderanno il posto e nessun commento contro la Commissione Elettorale: siamo esseri umani prima di tutto, dimostriamo di essere persone civili.

  8. Paolo Pagliaro - tramite mail ha detto:

    Il Tar ha letto i numeri, i numeri sono fatti che non possono essere interpretati. È stata ristabilita la democrazia ed è stato dato valore al volere dei cittadini leccesi.
    Sono lieto di fare gli auguri ai consiglieri di centro destra, in particolare a Federica De Benedetto e al nostro gruppo consiliare di FI: ora potranno finalmente, seppur con un po’ di ritardo, rappresentare gli elettori che hanno dato fiducia al nostro progetto.
    L’auspicio adesso è che si remi tutti nella stessa direzione, senza giochetti, con onore e lealtà, al servizio di Lecce e dei leccesi.

  9. Dario Stefàno - tramite mail ha detto:

    La scelta operata a giugno dai leccesi è stata chiara: Carlo Salvemini alla guida della Città per il cambiamento. Lui ha il dovere di proseguire nell’interesse dell’intera comunità e noi saremo naturalmente al suo fianco, come sempre
    Dinanzi al pronunciamento, Salvemini si è dimostrato, come sempre, sereno e imperturbabile, dichiarando l’impegno a continuare a lavorare, senza farsi distrarre, per il bene della città. Di Carlo, conosco molto bene le qualità umane e quelle politiche: sono certo che non farà mai mancare il suo impegno per portare a termine il compito che gli è stato affidato dai suoi concittadini.

    “Questa del Tribunale Amministrativo – conclude Stefàno – era una decisione che rientrava tra le ipotesi possibili. Occorre rispettarla e non giudicarla, rinviando al collegio difensivo la valutazione delle soluzioni più utili in risposta ad essa, a cominciare dal conseguente ricorso al Consiglio di Stato”.
    :::

Lascia un commento

banner ad
banner ad