banner ad
banner ad

L’ARCI DI LECCE METTE IN SCENA DANZE E RITMI AFRICANI

| 25 aprile 2018 | 0 Comments
Riceviamo e volentieri pubblichiamo._________
Concerto dai ritmi africani quello in programma venerdi 27 aprile, ore 21.30, al circolo Arci La Nuova Ferramenta di Lecce. Suoni ipnotici e balli sfrenati, danza mandinke e cori del samba afro-brasiliani saranno gli ingredienti base del gruppo Afro Diaulè, per uno show delizioso ed esplosivo, fatto di colori e tamburi.
Il progetto di Elena Nel Mondo, Francesca Afro e Somieh nasce dall’idea di voler tornare alle radici di madre terra, sentire il corpo che diventa elemento, attraverso il movimento e la connessione con le percussioni, in un viaggio musicale unico nella cultura africana.
Una serata tutta da ballare e lasciarsi travolgere dall’effetto curativo della danza africana, col suo potere ritmico di liberazione ed euforia.
A guidare la band sarà Elena Nel Mondo che da anni esplora il linguaggio del continente nero, quello dei corpi, della gestualità, della ritualità a suon di tamburi. Per sette anni ha studiato danze africane mandinke e danze afro-brasiliane nello stato di Bahia, Brasile, per poi approdare in Salento dove ha iniziato un’indagine indagine parallela con le danze popolari del sud, dalla pizzica alla tamurriata.______
gm______Che cosa l’Arci.
L’ ARCI (Associazione Ricreativa e Culturale Italiana) è un’associazione che nasce all’interno del Partito Comunista Italiano, nel lontano 1957, appartiene a quelle che venivano definite le cosiddette Associazioni Parallele dei partiti. Infatti se l’Arci era funzionale al Partito Comunista, parimenti lo erano la Libertas  per la Democrazia Cristiana, la Fiamma per il Movimento Sociale Italiano, l’Endas per i repubblicani e così via. Quali erano le funzioni di queste associazioni?  quelle dichiarate la crescita dell’individuo attraverso la cultura, oppure con la pratica sportiva, la diffusione dei valori della libertà e della democrazia, il miglioramento della società ecc. ecc. Nella realtà erano funzionali ai partiti che le avevano create, si trattava di traghettare persone, sopratutto giovani che venivano avvicinati offrendogli cineforum, gratis, locali da utilizzare, feste, impianti sportivi ed istruttori, e poi man mano portarli all’interno del partito di riferimento.
Nel tempo tutte queste associazioni  sono scomparse, credo sia restata in  attività, quanto meno con lo stesso nome, solo l’Arci che negli ultimi tempi si è caratterizzata per l’accoglienza ai migranti.
Questo suo ultimo impegno, grazie alle grandi risorse che lo Stato destina a chi si occupa di migranti, l’ha portata a diventare una delle più ricche e meglio organizzate associazioni esistenti sul territorio.
Voci non ufficiali, ma ben informate parlano di oltre novanta operatori che operano all’interno dell’Arci di Lecce.
Se ciò risponde a vero, tanto di cappello.

Category: Costume e società, Eventi

Lascia un commento

banner ad
banner ad