banner ad
banner ad

DIARIO DEL GIORNO / MERCOLEDI’ 12 SETTEMBRE 2018

| 12 settembre 2018 | 0 Comments

Buongiorno! Oggi è mercoledì 12 settembre 2018. Santissimo Nome di Maria.

 

Il 12 settembre 1919 D’Annunzio e i suoi legionari marciarono su Fiume. Il governo Nitti fu informato dell’azione tramite il Giornale d’Italia, tant’è che si pensò a un accordo segreto tra Nitti e D’Annunzio, ma non fu così. Nitti, incaricò Badoglio di recarsi presso Fiume per riportare l’ordine.
Nitti sancì il blocco totale degli aiuti e così Fiume, nel mese di Marzo, sarebbe rimasta isolata. In questo senso D’Annunzio espresse da subito il rifiuto a qualsiasi negoziato con Nitti, soprannominato dal poeta-soldato “Cagoia”, in virtù della sua vigliaccheria.
D’Annunzio capì, dunque, che Fiume doveva trasformarsi da stato di fatto a stato di diritto, in modo tale da poterne rivendicare la sovranità. La sera del 30 agosto, i cittadini furono convocati al teatro “La Fenice”, per leggere il nuovo statuto sul quale sarebbe stato fondato il nuovo stato: nasceva la Reggenza Italiana del Carnaro. Il nuovo governo varò tra l’altro una nuova costituzione incredibilmente avanzata e moderna: “La Carta del Carnaro”.

La Carta del Carnaro promulgata l’8 settembre 1920, fu elaborata dal sindacalista rivoluzionario Alceste De Ambris e curata nello stile da Gabriele D’Annunzio. Essa si presenta come un testo emblematico delle inquietudini sociali dei fenomeni politici dell’Europa di quel tempo, che si fondava sui principi più vivi della Democrazia moderna, in quanto aveva per fondamento la potenza del lavoro produttivo e, per ordinamento le forme più varie e più larghe dell’autonomia gloriosa degli antichi comuni italici, così disse D’Annunzio.
Profondamente originale nelle soluzioni proposte nei 65 articoli divisi in venti capitoli, molto difficili da riassumere ovviamente, la Carta stabiliva: un salario minimo, l’assistenza nell’infermità, nella disoccupazione, nella vecchiaia, il risarcimento del danno in caso di errore giudiziario o di abuso di potere, libertà di pensiero, di stampa, di associazione, libertà per ogni culto, purché non fosse usato come alibi per non compiere i doveri della cittadinanza.

L’art.9 riconosceva la proprietà privata, solo se fondata sul lavoro e quindi volta all’utilità sociale. Il diritto di voto era garantito a tutti, sia uomini sia donne che avessero compiuto vent’anni e, inoltre, era previsto per entrambi i sessi, il servizio militare dai 17 ai 52 anni.

Fu istituito un collegio degli edili, scelto tra gli uomini di puro gusto, i quali avevano il compito di presiedere le costruzioni, la loro bellezza, la loro decenza e sanità. Esso aveva inoltre il compito di studiare nuovi materiali quali il ferro, il vetro e le applicazioni artistiche nell’edilizia. L’istruzione e l’educazione del popolo rappresentavano il dovere più alto della Repubblica.

L’istruzione primaria era completamente gratuita e obbligatoria, la scienza e l’arte potevano essere accessibili a tutti coloro che dimostravano capacità d’intenderle e, seguaci e non delle confessioni religiose potevano frequentare le scuole senza alcun pregiudizio.
La Carta Costituzionale, poteva essere riformata in ogni momento se richiesto da 1/3 dei cittadini aventi diritto al voto e tutte le leggi del Parlamento potevano essere sottoposte a Referendum.

Insomma una Carta per certi versi molto più avanzata della nostra, perché come sappiamo in Italia oggi, il Referendum non può essere invocato per leggi di carattere fiscale e per mettere in discussione la forma istituzionale della Repubblica. Infine, non bisogna dimenticare che a Fiume prese forma una Lega per rappresentare i popoli oppressi e per dar voce alle nazioni coloniali più deboli.

Quelle, insomma, che non venivano mai prese in considerazione dalle grandi potenze. Fu quindi uno dei primi esempi di solidarietà internazionale, perché all’interno della città, durante l’occupazione, convivevano gli stessi popoli che al di là di quel confine erano ostili fra loro.

Il 12 novembre 1920, fu sottoscritto il Trattato di Rapallo, in cui Fiume si dichiarava stato libero. La Dalmazia, tranne Zara, fu ceduta agli slavi. D’Annunzio non accettò il trattato e, il 26 dicembre Fiume fu attaccata dall’esercito italiano. Il 27 fu dato l’ultimatum ovvero che se D’Annunzio e i suoi legionari non avessero accettato il trattato, la città sarebbe stata bombardata a tappeto. Di fronte a questa situazione il poeta-soldato dovette rinunciare al suo progetto e si dimise il 28 dicembre. Il “Natale di sangue” come lo definì D’Annunzio, provocò la morte di 22 legionari, 25 soldati dell’esercito italiano e 7 civili. Fiume sarà annessa all’Italia solo nel 1924 e, rimarrà italiana fino al 1947.

Al di là della breve puntualizzazione storica descritta nelle righe precedenti, l’esperienza fiumana rappresentò un grande laboratorio politico, ossia quel momento di massima confluenza e sintesi della oramai superata prassi ideologica e dogmatica “destra-sinistra” che attanaglia tuttora la nostra società.
L’attuale momento, dovrebbe farci capire che la Globalizzazione/Mondializzazione sta facendo emergere tutti i propri limiti; il “turbo-capitalismo” risulta essere incapace di dare risposte alle problematiche sociali che ingabbiano da troppo tempo il sistema. Potrebbe essere quindi Fiume il punto da cui ripartire?

L’urlo del futuro è stato lanciato già molto tempo fa da Dannunzio e i suoi legionari: tutti coloro che vogliono andare verso la vita, la solidarietà, la giustizia, non devono fare altro che accogliere senza pregiudizio il messaggio: tradizione e innovazione, costituiscono la base della nuova sintesi della civiltà presente e futura.

 

Proverbio salentino: LU TROPPU STROPPIA.

Il troppo stroppia.

Persino con la bontà non bisogna eccedere, infatti un altro proverbio salentino recita:” tre fiate bueno è uguale a fessa”. L’abbondanza esagerata, la grande fortuna, la ricchezza smodata possono diventare controproducenti. Ogni eccesso è negativo. Espressione molto comune che usa ancora il verbo stroppiare, variante di storpiare antica e popolare, chiaramente influenzata da un accostamento a “troppo”. Il proverbio che significa propriamente che l’eccesso guasta tutta la quantità, la deforma, la sciupa o corrompe, viene inteso comunemente come se la quantità stessa non ne permettesse la gestione, l’utilizzo, il contenimento intendendo il verbo derivato da “troppo”. Così si dice: il troppo è troppo, ogni troppo è troppo.

 

 

Category: Costume e società

Lascia un commento

banner ad
banner ad