banner ad
banner ad

DIARIO DEL GIORNO / VENERDI’ 9 NOVEMBRE 2018

| 9 novembre 2018 | 0 Comments

Buongiorno! Oggi è venerdì 9 novembre 2018.

La Chiesa festeggia San Teodoro.

Il 9 novembre 1989, crolla il Muro di Berlino, che sancisce la nascita della Germania unita ed è considerato il simbolo della fine dei regimi comunisti in Europa.

Il Muro di Berlino ( nome ufficiale: Antifaschistischer Schutzwall, Barriera di protezione antifascista) era un sistema di fortificazioni fatto costruire dal governo della Germania comunista (Repubblica Democratica Tedesca, filosovietica) per impedire che i berlinesi che erano capitati nella Germania comunista scappassero nella Germania occidentale, quella libera e democratica. È stato considerato il simbolo della cortina di ferro, linea di confine europea tra la zona d’influenza statunitense e quella sovietica  durante la guerra fredda.
Neppure quando vi era il Regime Nazional-Socialista di Hitler i tedeschi erano stati costretti a forza a rimanere in Germania, e questa la dice lunga sulle condizioni di vita a cui i cittadini i cittadini erano sotto posti dai regimi comunisti.

 

Proverbio salentino: LU CANE SCAUTATU TIME L’ACQUA FRIDDA.

Il cane che si è scottato teme l’acqua fredda.
Così come il cane che  scottatasi la bocca bevendo dell’acqua calda diventa diffidente e timoroso anche in presenza di quella fresca, allo stesso modo una persona che è rimasta scottata dal comportamento di qualcuno, magari di un amico, diventa diffidente nei confronti di tutti gli amici, compresi quelli che non hanno nessuna  colpa, e che invece sono persone sulle quali si potrebbe contare in qualsiasi momento.
Di questo proverbio esistono diverse versione, ma a noi questa è sembrata quella più corretta, perché gioca su quella che a prima vista sembra una contraddizione, ossia il timore che qualcuno può avere per l’acqua fresca, che disseta e rinfresca, ma dopo un attimo di riflessione il paradosso viene meno e si comprende appieno l’insegnamento di questo antico proverbio.

 

Category: Costume e società

Lascia un commento

banner ad
banner ad