banner ad
banner ad

DISAGI PER I PAZIENTI DEL ‘VITO FAZZI’

| 9 novembre 2018 | 1 Comment

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Il presidente dell’associazione Sportello dei Diritti Giovanni D’Agata ci manda il seguente comunicato______

Lecce. TAC rotta in Ospedale? I ricoverati in attesa da giorni anche per esami urgenti? La denuncia dei pazienti allo Sportello dei Diritti: intervenga l’ASL

 

Ci sono giunte nelle scorse ore una serie di segnalazioni da parte di ammalati ricoverati nell’Ospedale Civile “V. Fazzi” di Lecce, taluni con sintomi preoccupanti come emorragia, dolori addominali e febbre alta che ci hanno comunicato di essere in attesa di un esame TAC.

La cosa più eclatante, per non dire preoccupante, e che dopo tante richieste nei confronti dei sanitari e fino a quattro giorni  d’attesa, i pazienti si sono visti rispondere: “Purtroppo la TAC è rotta”.

Si tratta di una situazione paradossale che merita un’immediata presa di posizione da parte dell’ASL, perché è davvero assurdo che nel più importante nosocomio della Provincia di Lecce accadono, ove veramente sussistenti, i fatti che ci hanno denunciato. Ed in ogni caso chiediamo che ai pazienti ricoverati in attesa di garantire sempre e comunque la fruibilità di più apparecchi per la TAC che come è noto sono strumenti salva vita per le diagnosi tempestive.

 

Category: Cronaca, Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ufficio Stampa Asl Lecce - tramite mail ha detto:

    Una Tac in avaria, ma altre due in servizio e già allertate.
    I tecnici della ASL stanno intervenendo per riparare il guasto che, l’altro ieri, ha comportato il blocco di un’apparecchiatura per la Tac nell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce.
    Disagi limitatissimi per l’utenza – assicura il direttore medico Giampiero Frassanito – perché si sta facendo fronte all’improvviso stop con gli altri macchinari a disposizione: la Tac in servizio nel Polo Oncologico e quella del reparto di Neuroradiologia del “Fazzi”.
    In ogni caso, si sta soltanto rimandando un numero limitato di esami per l’utenza ambulatoriale, senza che vi siano state lamentele in merito, proprio per evitare qualsiasi tipo di disagi o ritardo ai pazienti ricoverati in Ospedale per i quali, evidentemente, vi è una maggiore urgenza.
    In più, se proprio il guasto dovesse perdurare ancora, è attiva una quarta Tac nel presidio riabilitativo di San Cesario, cui è sempre possibile far ricorso.

Lascia un commento

banner ad
banner ad