banner ad

DIARIO DEL GIORNO / DOMENICA 5 MAGGIO 2019

| 5 maggio 2019 | 0 Comments

Buongiorno! Oggi è domenica 5 maggio 2019.

Sant’ Irene.

Irene, una giovanissima martire del I secolo dopo Cristo, trucidata perché aveva abbracciato la nuova religione, pur essendo di nobile famiglia pagana, per quanto la sua figura sia avvolta nella leggenda, visse a Lupiae. E’ stata patrona di Lecce fino al 1656, quando fu sostituita da sant’Oronzo grazie all’attribuzione a lui della guarigione dei salentini dalla peste. In città, nel centro storico, c’è una pregevole chiesa a lei dedicata.

 

Come oggi, cento novantotto anni fa, nel 1821 Napoleone Bonaparte morì in esilio sull’isola britannica di Sant’Elena. Alessandro Manzoni gli dedica ‘a caldo’ la celeberrima ode Il cinque maggio.

 

Settantatré anni fa, nel 1946, ci fu la prima schedina della SISAL, progenitrice del Totocalcio, da un’idea del giornalista sportivo Massimo Della Pergola: gli Italiani cominciarono a sognare la ricchezza.

 

Proverbio salentino: SE ESSE NA COSA LARGA FAZZU NNA ZAPPA SE ESSE NNA COSA STRITTA FAZZU NA FAUCE.
Se esce una cosa larga faccio una zappa, se esce una cosa stretta faccio una falce.
Si utilizza questo proverbio quando si vuole indicare qualcuno che si mette all’opera senza sapere cosa fa, e dove va a parare.
Questo “detteriu” nasce da quanto capitò ad un  bravo fabbro.
Quelli di una volta, in grado di dare vita a qualsiasi attrezzo o utensile, partendo da un pezzo di ferro scaldato alla forgia e battuto dal martello sull’incudine sino a dargli la forma che avevano in mente.
Naturalmente tutti si rivolgevano a lui quando c’era da sistemare qualsiasi cosa avesse a che fare col metallo, persino la ferratura degli zoccoli dei cavalli rientrava nelle sue competenze.

 

Category: Costume e società

Lascia un commento

banner ad
banner ad