banner ad

LECCECRONACHE / CARO CAROFIGLIO…

| 21 maggio 2019 | 1 Comment

di Raffaele Polo______Pur contrari ai ‘firmacopie’, ultimo ritrovato per abbinare fatuità a presenzialismo, vantandosi di avere l’autografo del personaggio del momento, ci ha fatto piacere partecipare all’incontro che, all’Hotel Risorgimento di Lecce, ha visto la partecipazione di Gianrico Carofiglio, presentato da Dario Stefàno.

Sì, lo so, siamo in periodo elettorale e ogni scusa è buona per…Un momento, voglio subito precisare che Carofiglio non è in lista e, anzi, ha dato le dimissioni dalla Magistratura e dalla politica. Anche se, a domanda precisa, ci ha tenuto a precisare, col suo tradizionale garbo, che la politica non l’ha mai abbandonata. ‘E non è forse quello che stiamo facendo stasera, ovvero parlare di Verità, Potere, Giustizia? Questa, per me, è la Politica’ ha detto lo scrittore, ricevendo unanimi consensi ed applausi.

E ci è venuto da considerare che sarebbe veramente interessante e gratificante questo modo di intendere la ‘politica’, in un discorrere pacato di idee, principi e valori che trascendano le piccinerie sovente becere e ignoranti che siamo costretti a mandar giù sempre più spesso. Certo, Carofiglio è Carofiglio: un ottimo scrittore, tra i pochi che, in questa particolare realtà che coinvolge anche il campo editoriale, mantenga una seria e vigorosa capacità di narrare e sottoporre problematiche attuali quasi senza parere ma, invece, sforzandosi di comunicare quello che condividiamo sovente solo nel nostro ‘Io’ più profondo.

E, da sottolineare, anche l’uditorio è stato composto e attento, senza indulgere in interventi autoreferenziali o provenienti da quella ‘politica’ attenta solo ai numeri della propaganda.

Non una parola sulle elezioni, sugli schieramenti e sugli accordi politici. Piuttosto, un continuo approfondimento sugli aspetti etici di essere uomini e donne protagonisti (positivi) del nostro tempo.

Poi, alla fine, com’è naturale, c’è stato il ‘firmacopie’. Ma, più che altro, un piacevole scambio di sorrisi e strette di mano tra persone che la pensano allo stesso modo…

Portiamo a casa l’ultimo libro di Carofiglio, La versione di Fenoglio e il suo suggerimento a leggere lo scritto di Lakoff, Non pensare all’elefante, come riprendersi il discorso politico.

Ci pare, in tutta onestà, di non aver sprecato la serata.

Category: Cronaca, Cultura

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Valerio Nasone ha detto:

    Il Carofiglio scrittore è lo stesso Carofiglio magistrato imbevuto di quella cultura che esprimeva l’estrema sinistra negli anni ’70. Garbato…ma non troppo.

Lascia un commento

banner ad
banner ad