DIARIO DEL GIORNO / MARTEDI’ 20 AGOSTO 2019

| 20 agosto 2019 | 0 Comments

Buongiorno! Oggi è martedì 20 agosto 2019.

La Chiesa festeggia San Bernardo.

 

A Lecce, il giornalista Cesare Vernaleone festeggia il suo compleanno: tanti auguri!

 

 

La “Primavera di Praga”, fu l’ennesimo esempio di come il comunismo schiacciava qualsiasi richiesta di libertà. Si trattò dell’invasione della Cecoslovacchia che tentava di concedere qualche piccola libertà al suo popolo.

Nella notte fra il 20 e il 21 agosto 1968 una forza stimata fra i 200.000 e i 600.000 soldati e fra 5.000 e 7.000 veicoli corazzati invase il paese. Le unità principali che effettuarono l’invasione erano le formazioni corazzate e meccanizzate del Gruppo di forze Sovietiche di stanza nella Germania comunista, che penetrarono in Cecoslovacchia dalla Sassonia. Il grosso dell’esercito cecoslovacco, forte di dodici divisioni, obbedendo ad ordini segreti del Patto di Varsavia, era stato schierato alla frontiera con l’allora Germania Ovest, per agevolare l’invasione e impedire l’arrivo di aiuti dall’occidente.

L’invasione coincise con la celebrazione del congresso del Partito Comunista Cecoslovacco, che avrebbe dovuto sancire definitivamente le riforme e sconfiggere l’ala stalinista.  I comunisti cecoslovacchi, guidati da Alexander Dubcek  furono costretti dal precipitare degli eventi a riunirsi clandestinamente in una fabbrica, ed effettivamente approvarono tutto il programma riformatore, ma quanto stava accadendo nel paese rese le loro deliberazioni completamente inutili. Successivamente questo congresso del partito comunista cecoslovacco venne sconfessato e formalmente cancellato dalla nuova dirigenza imposta da Mosca a governare il paese.
Il Partito Comunista Italiano si schierò dalla parte dei carri armati russi, con il quale fu schiacciato il popolo cecoslovacco.

 

 

Nei campi è tempo di trapianti e di conserve.

Per la semina: indivie, cicorie, lattughe, porri, cipolle, finocchi, cavoli, rape, spinaci, valeriana, prezzemolo, ravanelli, rucola.

Si cominciano i preparativi di attrezzature e di recipienti per la vendemmia.

In giardino si potano le siepi e si piantano i mughetti.

NELL’ORTO – IL CAVOLO VERZA

Del cavolo verza esistono varietà precoci che vanno seminate nel periodo di gennaio. Tali varietà maturano nel giro di 60-70 giorni e generalmente sono pronte per pasqua. Una volta raggiunta l’altezza di 7-8 centimetri, le piantine, trapiantate a distanza di 50 centimetri l’una dall’altra, vanno innaffiate con frequenza e scerbate di continuo. A parte, intanto, si potranno iniziare le vangature, spargendo qua e là del concime.

 

Proverbio salentino: ALLI PERIEDDHI E ALLI SPENTURATI NI CHIOE A NCULU PURU SE STANU SETTATI
Ai poveri e agli sventurati gli piove nel culo pure se sono seduti.
Questo proverbio ne ricorda un altro che è: lu cane secuta lu strazzatu.
Insomma i poveri sono quelli che sono sempre più esposti a qualsiasi intemperia.

Category: Costume e società

Lascia un commento