DIARIO DEL GIORNO / GIOVEDI’ 3 OTTOBRE 2019

| 3 ottobre 2019 | 0 Comments

Buongiorno! Oggi è giovedì 3 ottobre 2019. San Fausto.

Buon onomastico a chi porta questo nome!

La ferrovia Napoli-Portici fu la prima linea ferroviaria costruita in territorio italiano, nel regno delle Due Sicilie; inaugurata il 3 ottobre 1839, era a doppio binario e aveva la lunghezza di 7,25 chilometri. Per cui la prima ferrovia fu costruita nel meridione, altro che meridione arretrato come raccontano i libri di storia scritta dai vincitori.

 

Il 3 ottobre 1942 fu lanciato dalla Germania Naziona-Socialista il missile A-4 che seguì quasi una traiettoria perfetta e si schiantò a 193 km di distanza dalla piattaforma di lancio superando gli 80 km di quota.Dal 1936, il gruppo capitanato da von Braun si concentrò sulla costruzione dei successori del razzo A-2, l’A-3 e l’A-4. Fu grazie a questi studi e a questi scienziati tedeschi, che l’America qualche anno dopo riuscirà a mandare i suoi razzi in orbita.

 

Il governo italiano ha istituito per questa data la “Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione”, per ricordare chi “ha perso la vita nel tentativo di emigrare verso il nostro paese per sfuggire alle guerre, alle persecuzioni e alla miseria”.

 

Il 3 ottobre del 2013, a poche miglia dal porto di Lampedusa, un’ imbarcazione libica carica di migranti è affondata causando la morte di 366 persone. Nonostante i 155 superstiti, 41 dei quali minori, questa è una delle catastrofi marittime peggiori avvenute nel Mediterraneo dall’inizio del XXI secolo.

 

Proverbio salentino: E’ CCHIU CUCCHIU LU DENTE TE LU PARENTE.

E’ più vicino il dente del parente.

Un proverbio che non ha bisogno di grandi spiegazioni, prima ci siamo noi con i nostri appetiti i nostri interessi e poi quelli degli altri, per quanto possano essere persone a noi vicine.

Insomma una versione rivisitata dell’insegnamento cristiano:”ama il prossimo tuo come te stesso”. In questo caso si tratta di amare se stessi un po’ di più del prossimo, perché nella legge naturale, c’è prima se stessi, poi la propria famiglia, i propri parenti, i compaesani, i compatrioti e poi gli stranieri.

 

 

Category: Costume e società

Lascia un commento

banner ad
banner ad