banner ad

DIARIO DEL GIORNO / LUNEDI’ 7 OTTOBRE 2019

| 7 ottobre 2019 | 0 Comments

Buongiorno! Oggi è lunedì 7 ottobre 2019. Madonna del Rosario.

Auguri di buon onomastico alle tante Rosaria, e a qualche Rosario, fra gli amici e lettori di leccecronaca.it

 

Il 7 ottobre del 1985 avvenne il sequestro da parte di un gruppo terroristico palestinese della nave da crociera Achille Lauro. Durante tale sequestro perse la vita Leon Klinghoffer, cittadino americano di origine ebraica. L’Achille Lauro stava navigando nel mediterraneo per una crociera al largo delle coste egiziane quando fu dirottata da un commando di aderenti al Fronte per la Liberazione della Palestina. A bordo erano presenti 201 passeggeri e 344 uomini dell’equipaggio.

Nel giorno stesso del dirottamento sessanta incursori italiani del Col Moschin arrivarono della base di Akrotiri a Cipro pronti a intervenire. La vicenda giunse a conclusione dopo  le trattative diplomatiche che grazie anche all’intercessione dell’Egitto, dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina di Arafat e di Abu Abbas, uno dei negoziatori e consigliere dello stesso Arafat.

Quando si scoprì che a bordo era stato ucciso il cittadino americano Leon Klinghoffer gli Stati Uniti chiesero l’estradizione dei dirottatori per processarli negli Stati Uniti. L’estradizione non arrivò, i dirottatori scontarono la pena in Italia. Gli Stati Uniti chiesero anche l’estradizione di Abu Abbas, uno dei negoziatori, che ritenevano coinvolto nel dirottamento. Ma a causa della mancanza di prove Abbas fu libero di lasciare l’Italia su un volo di nazionalità jugoslava. Solo pochi giorni dopo arrivarono dalla CIA e dai servizi segreti italiani le prove che Abu Abbas aveva avuto un ruolo fondamentale del dirottamento dell’Achille Lauro. Abbas venne processato e condannato all’ergastolo in contumacia. In seguito alla vicenda il ministro della difesa Giovanni Spadolini e altri due ministri repubblicani presentarono le loro dimissioni per protesta contro il governo Craxi provocando la caduta del governo stesso.

Bettino Craxi comunque passò alla storia per aver impedito agli Americani di intervenire, rivendicando la sovranità dell’ Italia.

Proverbio salentino: CHIACCHERE E TABBACCHERE NU NDE MPEGNA LU BANCU TE NAPULI
Chiacchiere e tabacchiere (scatole di lamiera di nessun valore) non le prende come pegno il Banco di Napoli.
Un antico proverbio colmo di saggezza, come tante cose del nostro popolo di quando era un popolo libero, autonomo e non vessato e asservito.
E quale metafora o allegoria, che dir si voglia, intende enunciare?
Che le parole e le promesse, o gli oggetti di nessun valore, per quello che era il più grande e prestigioso Istituto Bancario del Sud non valgono.
Ovvero, per dirla più esplicitamente,: non raccontate frottole o fate promesse inattendibili e fatue perché si sa già il loro esito, e coloro che citavano questo proverbio dichiaravano in modo esplicito che non intendevano essere presi in giro.

 

Category: Costume e società

Lascia un commento

banner ad
banner ad