DIARIO DEL GIORNO / MERCOLEDI’ 26 FEBBRAIO 2020

| 26 febbraio 2020 | 0 Comments

Buongiorno! Oggi è mercoledì 26 febbraio 2020.

E’ il mercoledì delle Ceneri.

Con questa espressione si intende il mercoledì precedente la prima domenica di quaresima che, nelle chiese cattoliche di rito romano e in alcune comunità riformate, coincide con l’inizio stesso della quaresima, ossia il primo giorno del periodo liturgico “forte” a carattere battesimale e penitenziale in preparazione della Pasqua cristiana.

In tale giornata, pertanto, tutti i cattolici dei vari riti latini sono tenuti a far penitenza e ad osservare il digiuno e l’astinenza dalle carni.

La parola “ceneri” richiama in modo specifico la funzione liturgica che caratterizza il primo giorno di quaresima, durante la quale il celebrante sparge un pizzico di cenere benedetta sul capo o sulla fronte dei fedeli per ricordare loro la caducità della vita terrena e per spronarli all’impegno penitenziale della Quaresima. Per questo il rito dell’imposizione delle ceneri prevede anche la pronuncia di una formula di ammonimento, scelta fra la tradizionale «Ricordati che sei polvere e in polvere ritornerai» o la più recente «Convertitevi e credete al Vangelo» (Mc 1,15), introdotta dalla riforma liturgica seguita al Concilio Vaticano II con riferimento all’inizio della predicazione di Gesù.

 

A Bari il nostro amico Donato Cippone compie 62 anni: auguri!

 

26 febbraio 1993. Un’autobomba esplode nel parcheggio sotterraneo del World Trade Center di New York, causando la morte di sei persone e il ferimento di diverse centinaia. Si trattò del più potente ordigno artigianale mai fabbricato. I terroristi islamici responsabili di questo primo attacco diretto sul suolo americano furono tutti in seguito identificati e arrestati.

 

Proverbio salentino: Se mangiandu te sira te strafuechi, lu sennu te la notte te lu sciuechi

Se mangiando di sera ti strafochi, il sonno della notte te lo giochi. Una cena parca e leggera, per poter dormire bene, insomma.

Category: Costume e società

Lascia un commento