DIARIO DEL GIORNO / MARTEDI’ 28 SETTEMBRE 2021

| 28 settembre 2021 | 0 Comments

Buongiorno!

Oggi è martedì 28 settembre 2021.

San Venceslao. Santa Amalia.

 

2003 – L’Italia rimane al buio a causa di un colossale black out.

 

A quanti d’inverno è capitato di dover buttare la cenere del camino? A tutti, praticamente. Invece di incrementare il volume dei rifiuti si può benissimo usarla per concimare le nostre belle piante, perché ha ad esempio fosforo, calcio, magnesio, quindi aumenta i minerali presenti nella terra, quindi favorisce lo sviluppo e la crescita di tutti gli ortaggi e delle piante. Questo perché la cenere è un concentrato di tutti i minerali del legno. Come fosse un cocktail di minerali e salute per la pianta e tutto a costo zero.

I componenti principali del terreno sono:

  • l’argilla, le cui particelle non superano gli 0,002 mm di diametro;
  • il limo, composto da particelle con un diametro compreso tra gli 0,002 e gli 0,2 mm;
  • la sabbia, costituita da granuli con un diametro compreso tra gli 0,2 e i 2 mm;
  • la ghiaia, i cui granuli superano i 2 mm di diametro.

Le proporzioni di questi componenti determinano la struttura del terreno, che prende il nome d’impasto. Il medio impasto, che è il terreno ideale, è costituito dal 20% d’argilla, dal 30% di limo e dal 50% di sabbia. La sabbia è facilmente lavorabile, ma poco impermeabile e non trattiene l’humus. Il limo, e ancor di più l’argilla, è difficile da lavorare, è appiccicoso quando è umido e duro quando è asciutto. Per rendere più granuloso un terreno argilloso si può aggiungere della calce sotto forma di polvere.

Bisogna anche considerare la fertilità, che è la capacità d’un terreno di dare nutrimento ad una pianta che affonda le sue radici in esso. La pianta, attraverso le sue radici, assorbe dal terreno:

  • gli elementi principali, che sono le sostanze che assorbe in maggiore quantità, come l’azoto, il magnesio, il calcio, il fosforo e il potassio;
  • i microelementi (come ferro, zolfo, manganese, zinco, boro ed altri) che sono assorbiti in minore quantità rispetto agli elementi principali. La fertilità totale del terreno è dato dall’elemento che più scarseggia nel terreno.

Il terreno ideale deve essere creato mescolando sabbia (terreno sabbioso) torba e ghiaia (in piccole quantità).Il terreno perfetto in natura esiste solo in pochissimi casi e, anche così non è mai perfetto. In molti casi ,al terreno del vostro giardino potrete aggiungere un po’ di torba per renderlo quasi perfetto, oppure mescolate il 60% circa di sabbia con un 30% di torba e un 10% di ghiaia. Ricordate poi che in ogni caso il terreno perfetto dipende dalla pianta che si vuole piantare.

 

Proverbio salentino: DOPU CA RUBBARA MISERA LI CANCELLI A SANTA CHIARA
La traduzione letterale è: Dopo che rubarono misero i cancelli a Santa Chiara.
Evidentemente in illo tempore vi era stato un furto nella chiesa di Santa Chiara, non sappiamo se si trattasse della chiesa leccese, quella che si trova  a pochi passi piazza Sant’Oronzo, quello che sappiamo è che dopo che ci fu il  furto fu dotata di un cancello che la proteggesse dai ladri. Protezione inutile in quanto la chiesa era stata spogliata  dei quadri ed i preziosi arredi.
Per cui nella tradizione salentina questo proverbio  viene utilizzato per sottolineare un’azione tardiva e inutile, che non produce alcun effetto positivo.

Category: Costume e società

Lascia un commento