UNA NUOVA LEGGE REGIONALE PER L’ARTIGIANATO

| 20 Luglio 2022 | 0 Comments

(Rdl) ______  La Giunta della Regione Puglia ha approvato ieri un disegno di legge, che annulla e sostituisce quello in vigore, che risale a nove anni fa.

Il provvedimento, secondo quanto riferito dall’ufficio stampa della Regione, si propone appunto di “aggiornare il quadro normativo in risposta alle mutate esigenze del settore, che si vuole consolidare valorizzando la sua propensione all’innovazione e favorendo i processi di ricambio generazionale.

Le linee di indirizzo del disegno di legge, che consta di 28 articoli, introducono numerose novità tra cui la programmazione di interventi per l’artigianato, sia attraverso l’elaborazione – in collaborazione con le associazioni di categoria maggiormente rappresentative, con i Comuni e le CCIAA – di piani organici e pluriennali di sostegno alla crescita delle imprese artigiane in un’ottica di semplificazione e digitalizzazione delle procedure e degli adempimenti, sia attraverso l’adozione di un piano triennale per lo sviluppo“.

Questa mattina sono arrivati in redazione i primi commenti.

Positivo quello di Luigi Derniolo, presidente di Confartigianato Lecce, che, fra l’altro, così si è espresso:

“La nuova normativa è un punto di partenza importante che guiderà le imprese artigiane salentine verso la digitalizzazione.

Abbiamo il dovere di accompagnare l’artigianato locale verso il futuro.

Le botteghe devono imparare a pensare in digitale.

Dobbiamo aiutare gli artigiani a superare i confini delle botteghe. È questo il salto di qualità che dobbiamo compiere. E per farlo serve l’innovazione che è il motore della crescita economica“..

Positivo anche il commento del presidente della camera di Commercio di Lecce Mario Vadrucci:

Si avvertiva la forte necessita di una spinta per un settore che da sempre è una componente molto rilevante della Puglia del fare e che si apre a processi di innovazione, sia nella produzione che nella promozione e commercializzazione, anche guardando ai mercati esteri.

La mia provenienza dal settore dell’artigianato mi fa apprezzare ancora di più le opportunità che si aprono per il settore della cartapesta, delle luminarie e della ceramica, comparti che hanno portato in giro nel mondo il nome dell’artigianato pugliese che conta 80.000 aziende. La spinta che dalla nuova legge verrà con l’incentivo per il design e l’innovazione, ma anche per l’utilizzo di nuovi materiali, più in linea con la sostenibilità ambientale, proietterà sicuramente l’artigianato pugliese in una nuova dimensione, sostenendo lo sforzo che tante aziende stanno cercando di fare ”.

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento