LA PITTRICE LECCESE GABRIELLA LEGNO, A GUBBIO, AL FESTIVAL DELL’AMICIZIA ITALO – GIAPPONESE.

| 31 luglio 2014 | 0 Comments

La pittrice leccese Gabriella Legno, selezionata e invitata dall’apposita giuria, parteciperà con la sua opera “Il canto del vento”, acrilico su tela, a Gubbio, presso la Sala dei Capitani e presso gli Arconi del Palazzo dei Consoli, al Festival dell’Amicizia Italo-Giapponese ((Friendship Festival Italy – Japon ), organizzato dall’Associazione Culturale Internazionale , NautArtis di Gubbio, dal 2 al 30 agosto.

Il Festival vedrà la partecipazione, quali ospiti d’onore, di 60 artisti giapponesi, nel campo della pittura, della scultura, della grafica, della ceramica e della Digital Art, selezionati dal Comitato Selettivo  della consorella del Sol Levante di NautArtis, e di 60 artisti tra stranieri e italiani. Tra questi ultimi, appunto,  prescelta e invitata, l’artista salentina Gabriella Legno.

Inaugurazione e Vernissage, domenica 3 agosto alle ore 17. Orario di apertura : tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19, più apertura serale dalle 21.

Gabriella Legno www.gabriellalegno.it  continua a dare lustro al nostro territorio, portando il nome di Lecce e del Salento in alto in Italia e nel mondo. Prosegue, infatti, la lunga scia di successi e di prestigiosi riconoscimenti.

Le due più recenti tappe importanti della sua carriera artistica costellata di successi sono state : lo scorso 2 luglio, a Palermo, dove ha partecipato alla presentazione ufficiale dell’Annuario di Arte Contemporanea di Vittorio Sgarbi, nel quale il più noto critico d’arte italiano l’ha inserita insieme a una ristretta schiera di artisti italiani con una sua accurata e lusinghiera recensione, partecipando pure con una sua opera alla mostra in onore degli artisti pubblicati nel prestigioso volume presentato e il 31 maggio scorso, a Roma, dove le è stato conferito il premio “Oslo Città del Nobel 2014” dall’Accademia Internazionale dei Dioscuri, che l’ha pure insignita della Gran nomina di Accademico Dioscuro d’Oro, riservata quest’anno solo a dieci artisti.

Category: Cultura

Lascia un commento