PROVERBIO SALENTINO DI OGGI VENERDI’ 28 AGOSTO

| 28 agosto 2015 | 0 Comments

(m.v.)______
NU NCE SPOSA SENZA CHIANTI NU NCE MUERTU SENZA RISI.
Non c’è sposa senza pianti non c’è morto senza risa.
Ed infatti durante i matrimoni c’è sempre qualcuno a cui scappano le lacrime, per l’emozione, per la gioia che si prova in quello che dovrebbe essere il giorno più bello per chi si sposa, e a cui partecipano  familiari e amici.
Così come capita che durante un funerale ricordando i trascorsi del morto, specie se in vita era una persona di spirito,  magari ricordando qualche aneddoto che lo ha riguardato possa generare qualche risata. A volte invece specie nelle ultime file del corteo può capitare che persone che accompagnano il morto, che non si  vedono da tanto tempo si salutino con abbracci e sorrisi.
Infine non dimentichiamo le risate che vengono fuori incontrollate quando ci si trova, in situazioni a cui non siamo abituati con tanta gente con la faccia triste, di circostanza, e magari tanta ipocrisia può generare incontrollate risate.
Poi non dimentichiamo che una volta c’era la veglia del morto che durava ventiquattro ore, alla quale partecipavano familiari, parenti, vicini di casa, e per trascorrere la nottata spesso si raccontavano storielle (culacchi), che riguardavano il morto, oppure altri funerali, o magari i pettegolezzi della giornata( specie prima dell’avvento di Facebook), ed in quelle circostanze non di rado capitava di ridere.
Insomma perché oggi abbiamo deciso di inserire questo proverbio? perché si sposano due nostri amici e ci auguriamo che non ci siano molte lacrime a rovinare il trucco delle signore.

Category: Costume e società

Lascia un commento