SITUAZIONE DELL’AFRICA

| 4 ottobre 2015 | 0 Comments

L’Africa è l’unico continente che non è autosufficiente nella produzione alimentare con una popolazione che è destinata a raddoppiare da uno a due miliardi entro il 2050. La domanda globale di cibo è destinata ad aumentare del 40% entro il 2030 e del 70 % entro il 2050. Ma, mentre la domanda di cibo è in aumento, la quantità di terra adatta per la produzione alimentare probabilmente diminuirà – principalmente attraverso pressioni altri usi (ad esempio, la crescita nei biocarburanti), e il cambiamento climatico. In questo contesto, il Ccr fornisce supporto tecnico di accesso al cibo e necessità, tra cui il monitoraggio in tempo reale delle condizioni del raccolto, previsioni quantitative delle rese e l’identificazione dei punti in cui la resa dei raccolti potrebbe tradursi in alimenti / mangimi l’insicurezza la capacità di monitorare la crescita delle colture in tempo reale e prevedere con almeno 6 mesi di anticipo la dimensione del raccolto dell’Ue. Questo viene fatto attraverso l’uso di dati meteorologici, immagini satellitari e modelli colturali. Il Ccr sta inoltre collaborando con la Direzione generale agricoltura della Ue per estendere le previsioni di produzione delle colture in scala globale. La delegazione della Ue-Acp ha anche visitato il Laboratorio europeo di gestione delle crisi. Nel 2010, ci sono stati 385 disastri naturali in tutto il mondo che hanno ucciso più di 297.000 persone. Il numero totale di disastri sembra essere in aumento; la prima metà del 2011 ha già prodotto più eventi che la maggior parte anni prima del 2006. Il Ccr Crisis Management Laboratorio “centro di crisi” fornisce servizi altamente specializzati quali analisi di minacce prevenzione e mitigazione dei disastri naturali, consapevolezza delle situazioni comuni, e il processo decisionale collaborativo. Un esempio di utile strumento Ccr che è ben noto in tutto il mondo è il sistema globale di allerta catastrofi e di coordinamento del Ccr. Operato in stretta collaborazione con le Nazioni Unite, il sistema informa automaticamente sulle gravi catastrofi in pochi minuti. Ad esempio, dopo il disastro di Fukushima il sistema ha propagato un avvertimento corretto a 135 abbonati giapponesi, tra cui il ministero giapponese degli Interni e autorità regionali in 40 minuti. L’analisi della situazione del Ccr è stato determinante per la risposta della Commissione a varie crisi, tra cui Fukushima Tsunami, i terremoti in Cile e Haiti, l’epidemia H1N1, il conflitto in Ossezia del Sud e Georgia e i recenti sviluppi in Siria. Un’altra area di intervento in cui il Ccr può offrire la sua competenza è la gestione delle risorse idriche. Il centro ha pubblicato un rapporto che valuta la disponibilità delle risorse idriche in Africa e che suggerisce come migliorare l’approvvigionamento idrico e servizi igienico-sanitari nel continente africano e fornisce anche una panoramica degli effetti del cambiamento climatico. Per quanto riguarda il problema della desertificazione secondo il Ccr, il mondo (dal 10 al 35 % di esso) è purtroppo colpito da questo fenomeno e in Africa circa il 20% della superficie terrestre ha subito un calo consistente della produttività nel corso degli ultimi tre decenni, con un totale di 50.000 km2 di vegetazione naturale convertito all’agricoltura ogni anno. Nel quadro del partenariato strategico Ue-Ua, l’Africa è diventata un centro di applicazioni del Ccr in geo-spaziale mappatura, monitoraggio e la modellazione delle risorse naturali. Utilizzando circa 6000 immagini satellitari ad alta risoluzione di tre periodi di tempo dal 1970 al 2010 Ccr sta misurando i tassi a cui la vegetazione naturale (principalmente savana e foresta) viene convertita in terreni agricoli e viceversa. Il Ccr di Ispra sul tema della desertificazione ha pubblicato anche un Atlante mondiale della desertificazione dal titolo Wad for the Joint Parliamentary assembly.j.

 

Category: Politica

Lascia un commento