LA SQUADRA DEGLI AVVOCATI LECCESI DAL PAPA

| 17 ottobre 2015 | 0 Comments

La Squadra dell’Ordine degli Avvocati di Lecce, dopo avere pareggiato la partita con la nazionale della Città del Vaticano (per la cronaca, dopo il I tempo, per i salentini era andato in rete l’avv. Francesco Dell’Anna, le squadre si sono mischiate ed il leccese Avv. Alberto Corvaglia ha segnato il 2 a 1 giocando con le guardie svizzere), in una cornice straordinaria hanno consegnato la bellissima statua in pietra leccese al Santo Padre. La statua, realizzata dal parabitano Emanuele Nassisi, che riproduce il Santo Padre con un pallone in mano che rappresenta per metà il calcio e, quindi, lo sport come veicolo di unione e riscatto sociale e per metà il mondo, ha sotto di sé una scritta che è lo slogan degli avvocati leccesi nello sport, nella professione e nella vita: Io Gioco Legale. L’opera in pietra leccese è stata consegnata al Papa dalla delegazione dell’Ordine degli Avvocati che accompagnava la squadra, composta dai Consiglieri, Gino Corvaglia, Roberta Altavilla e Simona Bortone. Presente alla cerimonia che l’avv. Luana De Mitri presidente della FIGC dilettanti della provincia di Lecce la quale sostiene da tempo, come FIGC, il motto Io Gioco Legale. Anima dell’iniziativa, l’avv. Luigi Suez insieme al prof. Luigi Melica altro punto fermo della Squadra. Per l’Avv. Alfredo Matranga, per l’occasione capitano della selezione degli avvocati, “si è trattato di un’esperienza unica ed irripetibile che ha visto insieme sport e spiritualità, in un momento molto importante per la chiesa, dove è in corso proprio in questi giorni il sinodo sulla famiglia che vede papa Bergoglio schierato in prima linea nella difesa della stessa come baluardo della società”

 

 

Category: Costume e società

Lascia un commento