“La spending review del governo ha pesantemente colpito le politiche sociali” – I VOLONTARI DELL’ ASSOCIAZIONE ‘ANTEAS’ TUTTI I GIORNI AL ‘VITO FAZZI’

| 23 ottobre 2015 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Da Lecce, Cecilia Leo, per segnalarci e commentarci un’ iniziativa dal mondo del volontariato, ci scrive quanto segue______

“Per sopperire alla mancanza di personale che era da ausilio a persone costrette su carrozzina,  arriva un’ iniziativa a cura di Anteas, l’associazione nazionale di tutte le attività per la solidarietà. Parte infatti, il servizio, affidato ai volontari di Anteas, che ogni giorno dalle 8 alle 19, attraverso una turnazione, saranno al presidio ospedaliero ‘Vito Fazzi’ di Lecce, a completamente disposizione dei pazienti che sono costretti su una sedia a rotelle, o che hanno necessità di utilizzare temporaneamente presidi ortopedici all’interno del nosocomio.

Precedentemente questo servizio era offerto dal personale dell’ospedale leccese solo dalle 9 alle 12, ma a causa della pesante spending review che ha colpito tutti i settori, andando ad inficiare in toto la qualità delle politiche sociali, anche questo servizio è stato eliminato perché considerato particolarmente oneroso. In questo modo l’iniziativa di volontariato di Anteas ha voluto lanciare un messaggio tangibile del significato di pubblica assistenza e di presenza sul territorio.

Ada Chirizzi (nella foto), della segreteria provinciale della Cisl, ha così commentato l’ iniziativa dell’ associazione:

Il terzo settore occupa dei segmenti che la pubblica amministrazione  ormai lascia vuoti. La Cisl, con Anteas, diventa sentinella dei reali bisogni del territori e sviluppa una serie di azioni atte a colmare quei vuoti che non vengono più soddisfatti dalla sanità pubblica per ragioni economiche. Queste fragilità non possono restare scoperte e soprattutto non possono lasciare le persone prive dei bisogni primari ed essenziali di cui necessitano. Ecco perché attraverso il terzo settore e grazie all’impegno e alla dedizione di tanti volontari che gratuitamente impiegano il loro tempo per aiutare chi ne ha bisogno riusciamo a non trascurare la diversa abilità, andando, anzi, a tamponare i vuoti lasciato dallo Stato“.

 

 

 

 

Category: Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento