DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 25 marzo 2016 | 0 Comments

ITALIA______

Bologna – Il ministro della Giustizia Andrea Orlando cerca di rassicurare su possibili attentati terroristici in Italia: “credo che giustamente il ministro Alfano abbia in piu’ occasioni ricordato come non esista un Paese a rischio zero. L’Italia è un Paese che ha una magistratura, una intelligence e delle forze di polizia di primo livello, purtroppo anche allenate da stagioni di grande drammaticità. Quindi possiamo dire che abbiamo le professionalità, che questo ci eviti rischi è abbastanza irresponsabile dirlo…”. Durante la visita di ieri mattina alla Corte d’appello di Bologna il ministro è sembrato comunque preoccupato per un avvenire europeo che si prospetta estremamente tribolato. Le sue parole andate in onda su tutti i tg nazionali non rassicurano totalmente, ma possono rassicurare nel piccolo i cittadini italiani.

ITALIA______

Roma – Le notizie che da Il Cairo arrivano nella capitale italiana sono contrastanti. La pista della criminalità organizzata sull’omicidio del ricercatore italiano Giulio Regeni è più viva che mai. Fonti della sicurezza hanno acciuffato cinque componenti di una banda specializzata nel rapimento di turisti stranieri, che poi sono stati freddati in uno scontro armato dalla polizia nella capitale egiziana. La notizia, diffusa dal quotidiano Al Watan, ha rinvigorito l’idea che tali criminali siano legati al delitto del giovane ricercatore. I cinque provenivano dallo squadrone bellico di Sharqiyya (nel delta del Nilo) e da altri gruppi guerrieri di Shubra El-Khema, nel settentrione del Cairo. La banda utilizza uniformi della polizia per mimetizzarsi senza sospetti tra i civili.

MONDO______

Bruxelles – Paura enorme nel governo belga a tre giorni dagli attentati di Bruxelles. Gli intelligence hanno scoperto che il bagno di sangue aveva anche un bersaglio più “grosso”. I due fratelli-kamikaze che hanno messo a ferro e fuoco l’aeroporto belga avevano nel mirino la centrale nucleare stabilita nei pressi della capitale. Una notizia terrificante che ha lasciato i vertici dell’Unione Europea allibiti. Intanto Salah Abdeslam ha accettato l’estradizione in Francia, mentre continuano senza sosta le operazioni poliziesche a Ixelles, nella parte più martoriata del Belgio. Qui un uomo sospetto è stato fermato e arrestato per doverosi accertamenti.

Category: Costume e società, Cronaca, Politica

Lascia un commento