DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 13 Luglio 2016 | 0 Comments

ITALIA______
AREZZO – È stata uccisa con almeno due colpi alla testa (uno alla fronte e uno dietro un orecchio) Catia dell’Omarino, 41 anni, di Sansepolcro (Arezzo), il cui corpo, senza vita, è stato trovato stamani sul greto del torrente Afra, non lontano dalla sua abitazione. L’assassino l’avrebbe colpita con un martello o una piccola piccozza. Il corpo della donna è poi rotolato lungo la leggera scarpata, dove sono state trovate tracce di sangue, per fermarsi sul greto del torrente. Ancora da stabilire l’orario del decesso. Catia dell’Omarino, che viveva con la madre a meno di un chilometro da dove è stato trovato il corpo, sarebbe stata vista da alcuni testimoni ieri sera, tra le 22 e le 24, e poco prima era stata incrociata anche da una pattuglia di carabinieri. La sua auto è stata trovata a circa quattrocento metri dal ‘ponte del diavolo’, a metà strada dalla sua casa e il luogo dell’omicidio. Spariti, invece, il suo cellulare e l’arma del delitto.

ITALIA______
PORDENONE – Il cadavere di un uomo, che potrebbe essere l’aviere statunitense Halex Hale, scomparso giorni fa da Aviano, è stato ripescato stamani dalle acque del fiume Livenza, nel centro di Sacile (Pordenone). Il corpo, notato da una passante, era seminudo. Sono ancora in corso le operazioni di riconoscimento da parte dei carabinieri e del medico legale. Il militare Usa non dava più notizie di sé da sabato della scorsa settimana, da quando era andato a cena da un amico a Sacile, a pochi chilometri dalla base di Aviano. Quando l’amico si è svegliato si è accorto che il soldato non era in casa e che aveva lasciato tutti i suoi oggetti personali, documenti e telefono cellulare, sul tavolo. Per cercarlo, negli ultimi giorni, sono state impiegate oltre centocinquanta persone fra Protezione Civile, Carabinieri, sommozzatori dei Vigili del fuoco e anche amici e connazionali del giovane statunitense, nella base addetto alle comunicazioni.

MONDO______
LONDRA – Venti giorni fa la Gran Bretagna era un Paese dell’Ue con un primo ministro di nome David Cameron. Da mercoledì a Downing Street ci sarà Theresa May, seconda donna a varcare il portoncino al numero dieci da padrona di casa, dopo Margaret Thatcher, che con questo impegno s’incarica di traghettare il regno, senza ripensamenti, verso il divorzio da Bruxelles. Sono passate tre settimane scarse e sembra una vita. Il difficile viene ora. May, tiepida sostenitrice di ‘Remain’ durante la campagna referendaria, ora adotta buona parte della piattaforma di Leadsom, paladina di “Leave”.

Category: Costume e società, Cronaca, Politica

Lascia un commento