DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 3 Agosto 2016 | 0 Comments

ITALIA______

Roma______Qualcosa non quadra: è stato condannato in via definitiva per ‘concorso in omicidio’, concorso con imputati che invece, sempre in via definitiva, sono stati assolti. Così Rudy Guede chiede la revisione del processo, in cui ha avuto sedici anni di carcere per l’omicidio di Meredith Kercher, avvenuto nel novembre 2007 a Perugia.

L’istanza di revisione è stata presentata questa mattina, presso la Corte d’appello di Firenze, dagli avvocati Tommaso Pietrocarlo e Monica Grossi.

MONDO

Tobruk______Gli Stati Uniti hanno lanciato oggi un’offensiva contro l’Isis in Libia in quello che appare come un salto di qualità nella lotta contro il sedicente stato islamico. I caccia Usa sono tornati a bombardare il Paese. L’obiettivo sono le postazioni strategiche dell’Isis. Lo ha reso noto il Pentagono specificando che l’azione è stata effettuato su richiesta del governo del premier Fayez al Serraj e mira a negare all’Isis «porti sicuri nel Paese dai quale attaccare gli Stati Uniti e i loro alleati».

«I primi raid aerei americani su specifiche posizioni di Daesh (Isis) sono stati condotti oggi causando gravi perdite su Sirte», ha confermato al anto suo il premier Serraj in un discorso alla tv.

Ankara______Lunga, polemica e dirompente intervista a Lucia Goracci di RaiNews24 del premier turco Recep TayyipErdogan: “In Turchia c’è stato un golpe contro la democrazia che ha fatto duecento trentotto martiri e nessuno è venuto qui…Federica Mogherini non avrebbe dovuto parlare da fuori, sarebbe dovuta venire in Turchia“.

Il presidente turco ha poi affondato anche sulla questione del figlio, rifugiatosi in Francia, finito sotto inchiesta per riciclaggio a Bologna: «Se mio figlio torna in Italia potrebbe essere arrestato perché c’è un’inchiesta su di lui a Bologna e non si sa perché. In quella città mi chiamano dittatore e fanno cortei per il Pkk. Perché le autorità non intervengono? È questo lo stato di diritto? La sua vicenda potrebbe mettere in difficoltà persino le nostre relazioni con l’Italia. Mio figlio è un uomo brillante e viene accusato di riciclaggio di denaro. L’Italia dovrebbe occuparsi della mafia, non di mio figlio».

Category: Costume e società

Lascia un commento