banner ad

DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM

| 4 novembre 2016 | 0 Comments

ITALIA______

ROMA – I carabinieri del Comando provinciale di Roma stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di dieci persone ritenute responsabili, a vario titolo, di corruzione, turbata liberta’ degli incanti,estorsione, falsita’ materiale in atti pubblici, peculato e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche riguardo la gestione di appalti all’ospedale San Camillo di Roma. Le indagini si sono concentrate su appalti della ristrutturazione dell’ospedale realizzati in occasione del Giubileo della Misericordia.

 

ITALIA______

GENOVA – Una bimba di otto mesi è morta nel suo lettino a Genova e i genitori accusano i medici del 118 di essere intervenuti in ritardo. La tragedia nella tarda serata di ieri sulle alture di Voltri. La bimba, sesta figlia di una coppia di genovesi genitori di altri cinque minori, ha cominciato a tossire alle 22,30. “Alle 23 abbiamo telefonato il 118”, ha spiegato la mamma, ma il personale medico è arrivato “dopo mezz’ora”, ha accusato il padre. La centrale operativa del 118 ha spiegato che l’ambulanza è giunta in 10/15 minuti, ma che il medico di turno sull’automedica ha impiegato quasi 20 minuti perchè l’automedica più vicina in partenza dall’ospedale di Voltri era impegnata in un soccorso in codice rosso. Per questo è stata allertata l’automedica dell’ospedale di Sampierdarena e la corsa in codice rosso è durata 15-20 minuti. “Il minimo possibile” aggiungono al 118. Sul posto i poliziotti delle volanti che hanno ascoltato i genitori. Il magistrato di turno Pier Carlo Di Gennaro che ha avviato l’indagine.

 

MONDO______

COSTE LIBICHE – Sarebbero almeno duecentotrentanove i dispersi dopo il naufragio di due barconi al largo delle coste libiche. Lo riferisce in un tweet Carlotta Sami, portavoce dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). La notizia, scrive la portavoce, è stata confermata da due sopravvissuti che ora si trovano a Lampedusa. Ieri erano stati recuperati dodici cadaveri. Intanto proseguono i salvataggi a largo del canale di Sicilia. Le navi dell’ong Moas hanno salvato trecentosessantuno migranti. Responder ha preso a bordo centosettantotto persone da due gommoni. Phoenix altri 138 profughi che all’equipaggio hanno raccontato di avere lasciato Sabrata ieri sera alle 22 e di essere rimasti per sette ore in mare alla deriva. Ancora sbarchi inoltre sulle coste della Sardegna. Dopo i 27 arrivati ieri, questa mattina i carabinieri hanno bloccato ventisei cittadini algerini, arrivati sulla spiaggia di Porto Pino nel Comune di Sant’Anna Arresi e a Sant’Antioco, a Maladroxia, sulla costa sud occidentale della Sardegna. Secondo quanto ricostruito dai militari della Compagnia di Carbonia, diciassette migranti sono arrivati durante la notte a Porto Pino, hanno dormito in spiaggia nell’area del poligono militare di Teulada e all’alba si sono incamminati verso il paese dove sono poi stati fermati dai carabinieri. Il secondo sbarco questa mattina intorno alle 7, a Maladroxia. Una residente ha chiamato il 112 segnalando la presenza di nove migranti vicino ad un bar. Tutti gli algerini, una volta visitati e identificati, saranno trasferiti nei centri di accoglienza.

Category: Costume e società, Cronaca, Politica

Lascia un commento

banner ad
banner ad