APERTA UFFICIALMENTE LA CRISI DI GOVERNO

| 8 dicembre 2016 | 0 Comments

(Rdl)______Dopo l’ approvazione, con voto di fiducia al governo, della così detta ‘legge di stabilità’ finanziaria al Senato, e una direzionale nazionale del Pd esauritasi con il suo solo intervento, ieri sera il presidente del consiglio Matteo Renzi, ‘congelato’ per due giorni, ha definitivamente consegnato le proprie dimissioni, come concordato con lui, al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Si è aperta così ufficialmente la crisi.

Come vuole la prassi, al via le consultazioni.

Oggi alle 18 saliranno al Quirinale per primi il presidente del Senato, Pietro Grasso; il presidente della Camera, Laura Boldrini, e l’ ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Seguiranno, venerdì mattina, i rappresentanti dei gruppi misti a Senato e Camera; della Südtiroler Volkspartei;  della minoranza linguistica della Valle d’Aosta; dell’ Alternativa Libera Possibile; dell’ UDC; Unione Sudamericana Emigrati Italiani; del FARE!-PRI; del Partito Pensiero e azione; del Partito Socialista Italiano (PSI)-Liberali per l’Italia (PLI).

Sempre venerdì, nel pomeriggio, le delegazioni di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale; del Centro Democratico; di Grandi Autonomie e Libertà; di Civici e Innovatori; di Per le Autonomie; e dei Conservatori e Riformisti

Sabato mattina, sarà la volta della Lega Nord; della Sinistra Italiana; di Scelta Civica; di Area Popolare; di Forza Italia.

Si chiuderà con i due partiti maggiori, sabato pomeriggio: Movimento Cinque Stelle, e Partito democratico.

Tante le ipotesi che circolano negli ambienti politici, in fibrillazione in queste ore, ma nessuna indiscrezione, o previsione attendibile, su quelli che saranno gli sviluppi della crisi, attesi al termine delle consultazioni, nella giornata di domenica, al massimo lunedì mattina.

 

 

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento