banner ad
banner ad

NÉ MOI, NÉ MAI! #NOTAP, ARTISTI E BAND DEL SALENTO SOTTOSCRIVONO L’ APPELLO CONTRO IL GASDOTTO

| 30 marzo 2017 | 1 Comment

(Rdl)______Alessandro Mannarino (nella foto), 99 Posse, Lo Stato Sociale, Assalti Frontali sono tra i primi firmatari dell’appello contro la realizzazione del gasdotto Tap, lanciato e promosso dal So What Festival di Melpignano, in provincia di Lecce. Nelle prime ore hanno già risposto oltre sessanta artisti e band salentini e italiani e il numero è destinato a crescere.

So What Festival ha scelto di essere NO TAP sin dalla sua prima edizione. Nel 2014 TAP era ancora solo una minaccia: noi abbiamo scelto di schierarci sin da subito perché crediamo che difendere il proprio centimetro di terra sia il primo passo per costruire uno spazio in cui si possono realizzare le libertà di ciascuno. Vogliamo che cultura sia innanzitutto consapevolezza e libertà di scelta, crediamo che gli eventi debbano farsi contenitori di idee e vettori di messaggi“, si legge nell’appello dell’associazione culturale Altatensione che organizza il festival dal 2014.

Siamo NO TAP perché è tempo di scelte, ora più che mai occorre chiedersi da che parte vogliamo andare, e se vogliamo farlo insieme. Quanto accaduto nei giorni scorsi e quanto continua ad accadere in queste ore a San Foca è noto: l’accelerazione di TAP, le forzature del governo centrale, la cecità delle istituzioni che ignorano le popolazione e militarizzano il territorio. Le donne e gli uomini salentini resistono da giorni e hanno bisogno di ognuno di noi. Chiediamo agli artisti saliti sul nostro palco, a tutte le band emergenti, a tutti coloro che hanno messo la loro arte a disposizione di questo percorso, a coloro che hanno partecipato attivamente, a chi ci ha sostenuto, agli operatori della cultura e dello spettacolo di scegliere da che parte stare“, prosegue il testo. “Chiediamo di sottoscrivere questo appello e di affermare la propria contrarietà alla devastazione dei territori e alle grandi opere, utili solo alle tasche di affaristi e potenti. Offriamo la nostra disponibilità logistica alla realizzazione di una grande giornata di musica e cultura in sostegno del presidio NOTAP“.

Hanno già aderito Mannarino, 99 Posse, Lo Stato Sociale, Mauro Biani, Assalti Frontali, Dj War, Michele Lapini, Davide Barletti, William Anselmi, Sor Braciola, Sebach, Float a flow, La Rocha, Sud Est Indipendente Festival, Frank Lucignolo, Teenage Riot, Cristiana Verardo, La Rivolta Records, Carolina Bubbico, Coolclub, No Finger Nails, Boundless Ska Project, Sofia Brunetta, Tobia Lamare, Lobello Records, Fabio Zullino, Elektrojezus, Fuck Normality Festival, Gabriele Blandini, Bundamove, Io te e Puccia, Coffea Strange, Pierluigi Mele, Dj Mocry, Federico Mele, Salento All Stars, Ballarock, Granma, Egidio Marullo, Ninfa Giannuzzi, Molly Arts Live, Mad Boxes, Miss Mykela, La Municipàl, Nu – Shu, Mattune, Babelsound, Babilonia di Sant’Andrea, The Sick Dogs, Christian “Picciotto” Paterniti, Gente Strana Posse, La Balotta Continua, Los Pollos Hermanos, TTevents, Viavai Project, Chekos Art, Kamafei, LI Ucci Festival, Morris Pellizzari, Road to Zion, Indie Mare, Malasuerte Fi*Sud, Don Diegoh & Ice One.

 

Per sottoscrivere l’appello: sowhatfest@gmail.com

 

Category: Costume e società, Cronaca, Cultura, Politica

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. So What Festival - tramite redazione ha detto:

    In pochi giorni sono oltre 300 tra cantanti, dj, producer, attori, attrici, band, poeti, operatori della cultura e dello spettacolo, associazioni, radio e festival che hanno aderito al’appello contro la realizzazione del gasdotto Tap, lanciato e promosso dal So What Festival di Melpignano, in provincia di Lecce.
    La solidarietà arriva da ogni parte d’Italia, dalla Sicilia al Friuli, dalla Val Susa alla Calabria, da Brescia a Potenza.
    Alessandro Mannarino, 99 Posse, Lo Stato Sociale, Assalti Frontali, Africa Unite, Wu Ming, Bandabardò, Sud Sound System, Don Pasta, Canzoniere Grecanico Salentino, Gabriele Rubini, Roy Paci, Roberto Angelini, Officina Zoè, Boom Da Bash sono alcuni dei firmatari.
    Il So What Festival – insieme ad altre organizzazioni – sta provando a trasformare tutto questo in una grande festa musicale e popolare.
    Nel frattempo aderisce all’assemblea pubblica No Tap di domenica 2 aprile alle 19.30 in piazza Sant’Oronzo a Lecce.

    So What Festival ha scelto di essere NO TAP sin dalla sua prima edizione. Nel 2014 TAP era ancora solo una minaccia: noi abbiamo scelto di schierarci sin da subito perché crediamo che difendere il proprio centimetro di terra sia il primo passo per costruire uno spazio in cui si possono realizzare le libertà di ciascuno.
    Vogliamo che cultura sia innanzitutto consapevolezza e libertà di scelta, crediamo che gli eventi debbano farsi contenitori di idee e vettori di messaggi.
    Siamo NO TAP perché è tempo di scelte, ora più che mai occorre chiedersi da che parte vogliamo andare, e se vogliamo farlo insieme.

    Quanto accaduto nei giorni scorsi e quanto continua ad accadere in queste ore a San Foca è noto: l’accelerazione di TAP, le forzature del governo centrale, la cecità delle istituzioni che ignorano le popolazione e militarizzano il territorio. Le donne e gli uomini salentini resistono da giorni e hanno bisogno di ognuno di noi.
    Chiediamo agli artisti saliti sul nostro palco, a tutte le band emergenti, a tutti coloro che hanno messo la loro arte a disposizione di questo percorso, a coloro che hanno partecipato attivamente, a chi ci ha sostenuto, agli operatori della cultura e dello spettacolo di scegliere da che parte stare.
    Chiediamo di sottoscrivere questo appello e di affermare la propria contrarietà alla devastazione dei territori e alle grandi opere, utili solo alle tasche di affaristi e potenti.
    Offriamo la nostra disponibilità logistica alla realizzazione di una grande giornata di musica e cultura in sostegno del presidio NOTAP.

Lascia un commento

banner ad
banner ad