SULLA PIAZZA DI SANNICOLA SI “ADOMBRA” LA MASSONERIA. E PURE IL PD – reportage fotografico

| 20 luglio 2017 | 5 Comments

(v.m.)_______La giornata è calda e così  decidiamo di andare a fare un bagno a Gallipoli, poi  proseguiamo per un po’ lungo la litoranea, e quando, stanchi di vagabondare, decidiamo di tornare a casa, ci affidiamo alle indicazioni di un segnale stradale che indica Lecce.
Ogni tanto la segnaletica ci abbandona, poi ricompare, sino a che ci ritroviamo nel comune di Sannicola, mentre attraversiamo la strada che fiancheggia la piazza principale, notiamo un bar aperto. Sono le tre del pomeriggio il caldo afoso e con la salsedine sulla pelle,  non ci sembra vero di poterci dissetare sorseggiando una bibita ghiacciata all’ombra del gazebo che il gestore del bar ha fatto sistemare all’esterno.
Dopo pochi minuti, rinfrescati, per modo di dire, cerchiamo di farci coraggio, per rimetterci in marcia dobbiamo entrare in quel forno che è diventata la nostra auto, ci prendiamo ancora un po’ di tempo, ci accorgiamo di esserci posti all’ombra della sede del PD sannicolese o sannicolano, e ,  per respirare qualche altro minuto di aria fresca leggiamo il manifesto affisso sulla bacheca: PIAZZA DELLA REPUBBLICA: DISTRUZIONE DI UNOPERA!!!
L’autore, eccedeva sui punti esclamativi, e gli sfuggiva un apostrofo.
Nel testo veniva spiegato che l’opera distrutta era un mosaico posto al centro della piazza, dov’era “raffigurato il Sole, elemento centrale dell’opera  che si collegava con i vari simboli dell’opera caratteristici e storici del nostro paese. Il Sindaco Piccione invece di porre rimedio alla sola parte danneggiata del mosaico, sceglie di sostituire l’intero mosaico centrale con lo stemma  del Comune ( Del. GG n.70 ecc…).
Scandalizzati e visto che eravamo proprio nella piazza del misfatto abbiamo voluto documentare le malefatte  di questo sindaco  che  aveva smantellato un’opera storica, e presa la macchina fotografica abbiamo cominciato a fotografare il tutto.
Ad un certo punto però abbiamo letto la data in cui era stato realizzato il mosaico: “anno 2003”.
Per cui compreso che il lavoro era recente, e pure sulla qualità del mosaico ci sarebbe stato molto da dire, ci siamo domandati come mai il PD scendesse in campo con tanta veemenza preferendo il simbolo del Sole a quello dello Stemma di Sannicola.
In fondo si trattava semplicemente di un mosaico di recente realizzazione che rovinatosi è stato sostituito con quello che è il simbolo di tutti i cittadini di Sannicola. Dove sta lo scandalo?

E poi ci ha sorpreso anche il fatto che fosse proprio il PD a difendere il simbolo del SOLE , da sempre elemento caro al mondo pagano, nonché a quello esoterico, ai quali  spesso l’anticomunismo più radicale ha attinto a piene mani, basti solo ricordare che lo svastica altro non è che un sole che ruota.
Così abbiamo cominciato a porre qualche domande ai pochi avventori del bar; la signorina al bancone si è messa subito sulla difensiva limitandosi a dire che il mosaico centrale si era rovinato e lo stavano rifacendo, nessun commento da parte degli astanti.

Cosi abbiamo bighellonato per un altro quarto d’ora guardandoci intorno e fotografando altri elementi  della piazza, sino a quando si è avvicinato un vecchietto che ci ha detto che  nei mosaici della piazza erano riprodotti simboli massonici, e siccome tutti i simboli si collegavano al centro, ossia al Sole, eliminato l’elemento centrale tutto l’impianto simbolico veniva meno. Altrimenti, – aggiungeva il nostro interlocutore – se, come dice il manifesto, i simboli riprodotti nei mosaici si rifanno alla storia del paese, quale problema ci sarebbe a porre  lo stemma del Comune al centro della piazza?

Il ragionamento ha una sua logica, ma noi non conosciamo nulla della Massoneria e dei suoi simboli, certamente il simbolo del Sole riprodotto insieme a quello della Luna, sono simbolo che appartengono ai massoni, e sono un po’ come lo yin e lo yang per gli orientali, vita e morte, luce e buio, positivo e negativo, onda e risacca, maschio e femmina.
Anche il veliero è riconducibile, a questo mondo, la rotta da segnare, la bussola,  che indica la via maestra che il massone deve seguire sopratutto durante i periodi di tempesta. Sugli altri simboli rose, margherite, grappoli d’uva, la lettera N, non ho la più pallida idea di quali significati reconditi possano avere.

Un mosaico  però ha attirato la mia attenzione, sia perché posto in un luogo particolare, alla base di un luogo sacro, la scalinata della Chiesa, sia per quanto raffigurato.
Guardato distrattamente potrebbe sembrare un paesaggio salentino, un albero storto, come un ulivo, e due “pagghiare”, le classiche costruzioni con pietre a secco tipiche delle nostre campagne, ma, guardando con maggiore attenzione ci si accorge che si tratta di due forni, in uno dei due risulta evidente la canna fumaria e la luce del fuoco illumina entrambi. Il forno, la fucina, il laboratorio dell’alchimista dove avviene la trasfigurazione, dal piombo in oro, ma anche qui si tratta di simboli, come durante la celebrazione dell’Eucarestia dove il vino ed il pane si tramutano nel Sangue e nel Corpo del Cristo.
Alla base del forno sulla destra si individua chiaramente una Squadra,  mentre un mezzo Compasso  lo si può ravvisare alla base della canna fumaria del forno di sinistra. Qui va tenuto presente che tra il disegno originale ed il mosaico ci possano essere delle discrepanze, dovute anche al fatto che chi ha realizzato il mosaico nulla sa di  simbologia massonica.
Ora tutti sanno che il Sole, la Squadra ed il Compasso sono i simboli con i quali la Massoneria rappresenta se stessa.
Quindi un mosaico che rappresenta il Laboratorio del Maestro massone di Antico rito scozzese in contrapposizione alla Chiesa del Sacerdote cattolico apostolico e romano?
Ora che, tolto il Sole che era al centro della piazza, la Massoneria si “adombri”, nel doppio  o triplo significato che gli vogliamo dare, lo comprendiamo, ma il PD con le Logge cosa ha a che spartire?
E’ vero che il PD, da partito che difendeva gli interessi dei lavoratori si è trasformato in partito che difende gli interessi dei banchieri,  ma che adesso assurgesse a difensore del simbolismo massonico ci ha sorpreso non poco.

Category: Costume e società, Cronaca, Cultura, Politica

Comments (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Gennaro Aloisi ha detto:

    Ma quale margherite, girate l’immagine in senso antiorario e vi accorgerete che si tratta di una falce di luna con cielo stellato.

  2. Arianna ha detto:

    Guardate che nella piazza di Sannicola c’è un mosaico in cui sono riprodotte 6 rose, così come 6 sono i grappoli d’uva, come 6 sono le vele al vento. 666

  3. Emanuele ha detto:

    C è anche il lampione enel numero 0666 e le linee ondulate che attraversano trasversalmente la piazza si attorcigliano su sè stesse per 3 volte incrociando la linea trasversale e formando per 3 volte un 6..
    Poi le rose che ricordano la rosa simbolo d Inghilterra, culla degli illuminati..oppure i rosa crociati, altri illuminati..
    Oh..quanto ci sarebbe da scrivere..

  4. Ivano ha detto:

    Chiedete chi è stato l’architetto che ha realizzato la piazza.

  5. Arianna ha detto:

    Ma sul manifesto del PD non c’è scritto che è stato l’ing. Marcello Fabbri?

Lascia un commento