SOLIDARIETA’ ALL’ IMPRESA MAROCCIA COSTRUZIONI

| 25 Ottobre 2017 | 0 Comments

(g.m.)_____Manifestazione questa mattina davanti la Prefettura di Giuseppe Maroccia (nella foto), 44 anni, di Surbo, con i suoi dipendenti, che sono una quarantina. La sua impresa edile l’ altra notte, nella zona industriale, ha subito un furto  di cinque autocarri, cinque tra escavatori e motopale, e tutti gli altri mezzi d’opera, compresa l’attrezzatura minuta.
Maroccia, consigliere di centrodestra all’opposizione al comune di Surbo, negli anni scorsi aveva pubblicamente denunciato tentativi di estorsione subiti dalla criminalità. La scorsa estate aveva subito un attentato, con un escavatore dato alle fiamme. “In questi anni sono stato lasciato solo, non ho ricevuto alcun aiuto. Ora – spiega – mi hanno messo in ginocchio“. Il prefetto ha convocato un tavolo tecnico d’urgenza.

Sulla notizia, riceviamo e volentieri pubblichiamo i seguenti comunicati______

Confindustria Lecce e Ance Lecce esprimono notevole preoccupazione per la recrudescenza di ingenti furti e attentati in danno delle imprese, che si stanno verificando nell’ultimo periodo.

Esprimono contestualmente solidarietà all’impresa Maroccia Costruzioni di Lecce che questa notte ha visto devastata la sua capacità produttiva, a causa del furto di ogni mezzo d’opera e della attrezzatura minuta per lo svolgimento della sua attività lavorativa: quattro autocarri, tre escavatori di diversa portata ma anche condizionatori, bobine per cavi elettrici, attrezzi vari da cantiere, gasolio, infissi.

Confindustria Lecce e Ance Lecce, nel lanciare l’ennesimo allarme, fanno nuovamente appello alle Forze dell’Ordine e alle Autorità perché tutelino le imprese e il valore sociale che rappresentano e, al contempo, preservino alti livelli di sicurezza, come condizione essenziale per lo sviluppo del territorio.

Confindustria Lecce e Ance Lecce chiedono che vengano utilizzati con urgenza i fondi del Pon sicurezza per presidiare compiutamente il territorio e rendere più sicure le aree industriali.

In proposito anticipano che chiederanno un incontro ad hoc anche al Prefetto Claudio Palomba.

L’auspicio è altresì che l’ottimo lavoro delle Forze di polizia possa restituire nel più breve tempo possibile quanto portato via all’azienda, che oggi è davvero in gravissime difficoltà e con essa i suoi collaboratori e le famiglie.______

Sullo stesso argomento e nel medesimo spirito, ci scrivono anche Andare Oltre e Forza Italia______

La vicenda dell’imprenditore Giuseppe Maroccia, persona che conosciamo e al quale ci lega un sentimento di amicizia e stima, sia per l’attività politica sia per aver denunciato i propri estortori, non può lasciare indifferenti.
“Tutto il movimento Andare Oltre – afferma Giancarlo Erroi, coordinatore provinciale  – è da sempre al fianco delle piccole imprese e dei lavoratori, ed annovera tra i propri valori fondanti la legalità, la solidarietà ed il senso dello Stato. Per questo sollecita tutte le istituzioni a impegnarsi al massimo per non lasciare sola l’impresa Maroccia Costruzioni, il suo titolare ed i suoi dipendenti”.
“Giuseppe Maroccia – spiega Pippi Mellone, presidente e uomo guida di Andare Oltre –  è una di quelle persone trasversalmente apprezzate proprio per il coraggio e la determinazione che lo contraddistinguono. Immaginare che una persona così venga lasciata sola, con gravi rischi anche per i lavoratori e le 35 famiglie che, assieme a lui e con il lavoro quotidiano di quest’impresa, costruivano il futuro, è inconciliabile con l’idea stessa di Stato. Bene ha fatto il prefetto a convocare un tavolo d’urgenza. Ora – conclude Pippi Mellone – auspichiamo che ci sia l’impegno di tutti, a partire dalle istituzioni. Maroccia e i suoi dipendenti non possono e non devono restare soli”.______
“Solidarietà all’azienda edile Maroccia per il grave problema che deve affrontare a seguito del vile gesto che rischia di mettere in seria difficoltà la serenità dell’azienda stessa, dell’imprenditore da sempre cittadino onesto in prima linea, anche politicamente per combattere il malaffare, e dei lavoratori. – Ha affermato Paolo Pagliaro, dell’Ufficio di Presidenza Nazionale di Forza Italia – Sostegno istituzionale per l’imprenditore e i lavoratori con la speranza che presto si faccia chiarezza sul furto dei mezzi e delle attrezzature. Ai cittadini va assicurata maggiore sicurezza e maggiori controlli per evitare che si ritrovino a fronteggiare da soli problemi di tale entità. – Conclude – La richiesta d’aiuto di Giuseppe Maroccia deve essere ascoltata”.

 

Category: Cronaca, Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento