banner ad
banner ad

NUOVO MAXI SEQUESTRO DI MARIJUANA ALBANESE

| 11 ottobre 2018 | 0 Comments

(e.l.)______A luglio, l’ appello del procuratore capo della Repubblica di Lecce, che aveva parlato di decine di migliaia di tossicodipendenti nel Salento,  ai giovani: “Non date soldi alla mafia, non drogatevi”.

Gli ultimi maxi sequestri erano avvenuti il 25 e il 30 agosto, il 2 settembre, e due giorni fa.

Nei mesi, veramente pure negli anni,  precedenti, erano state decine le operazioni del genere, in mare, o a terra, sulle nostre coste, con le stesse caratteristiche, nelle stesse modalità. Evidentemente la produzione è tanta, in Albania, e la domanda del ‘mercato’ salentino, elevata durante tutto l’ anno.

Inoltre, l’ approdo sulle nostre coste è gestito in maniera manageriale dalla Sacra Corona Unita.

Un giorno d’ affari vorticoso, in mano alla mafia, con tanti piccoli intermediari e gregari a scalare. Fino agli ‘utilizzatori finali’, il cui numero aumenta, anzi ché diminuire, e passa disinvoltamente a dosi più frequenti e più pesanti.

La marijuana, a torto considerata droga ‘leggera’, muove interessi stratosferici ed è sempre abbondante e facile da trovare.

 

Questa notte mezzi della Guardia di Finanza hanno intercettato un’ imbarcazione sospetta, un motoscafo, al largo di san Foca. Dentro hanno trovato trecentocinquantadue chili di marijuana.

Lo scafista, un uomo di 41 anni di Lecce, è stato arrestato, con l’accusa di detenzione e traffico internazionale di stupefacenti.

Category: Cronaca

Lascia un commento

banner ad
banner ad