banner ad

TUTTE LE ALTRE NOTIZIE DI NERA IN BREVE

| 27 marzo 2019 | 0 Comments

(e.l.)______Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti è l’accusa con cui, su disposizione del gip del Tribunale di Lecce, è stato arrestato ieri, dopo indagini durate tre anni, Marco Serafino, 20 anni, di Montesano Salentino. Si trova ora ai domiciliari.

 

Due  giovani di Vernole, di 23 e 30 anni, sono stati denunciati a piede libero per lesioni personali stradali e per guida in stato di alterazione psicofisica, in seguito all’incidente avvenuto sabato scorso sulla strada provinciale San Cataldo – Otranto, all’ altezza di Frassanito, in cui furono coinvolti due motocicli e rimasero ferite tre persone. I due sono risultati positivi all’ uso sia di alcol, sia di droga.

 

Resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale sono le accuse per cui è stato denunciato a piede libero un giovane di Calimera di 29 anni. Nella ricostruzione degli inquirenti, dopo aver preso una multa per aver parcheggiato senza aver pagato il ticket, ha aggredito e ferito l’ausiliare del traffico che gliela aveva fatta.

 

Un uomo di 52 anni di Monteroni è stato denunciato a piede libero per ricettazione: usava un telefono cellulare rubato a gennaio, e ora restituito al legittimo proprietario.

 

Fermata ad un controllo stradale sull’auto su cui viaggiava, è risultata dover  scontare una pena residua di due anni e due mesi per una condanna riportata per spaccio di droga. Per questo motivo Cristina Peluso, 36 anni, di Lecce, è stata portata nel carcere di Borgo San Nicola.

 

Un giovane di Monteroni di 22 anni, Emanuel Errini, è stato arrestato ieri pomeriggio dai  Carabinieri in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, nei pressi della stazione di servizio Carriero Energy, dopo aver ceduto una dose di cocaina, di cui aveva altri due grammi. Si trova ora in carcere.

 

Durante i conrolli effettuati ad Aradeo, in occasione in onore di Maria Santissima Annunziata, ieri pomeriggio gli Artificieri della Polizia di Stato hanno sequestrato alle ditte incaricate dei fuochi d’artificio, per violazioni di varia natura riscontrate, duecentosessantuno manufatti esplosivi di provenienza clandestina;  centoventiquattro articoli pirotecnici di tipo regolamentare, altri trecentoottantacinque articoli sempre di tipo regolamentare, e, infine, altri cinquantasette manufatti esplosivi, in parte di produzione irregolare e in parte privi dell’obbligatoria omologazione della Comunità Europea.

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento

banner ad
banner ad