banner ad

“Per il mare, fuori dal fossile” A SAN FOCA SABATO 20

| 15 luglio 2019 | 0 Comments

(Rdl)______ “In nome della giustizia climatica e contro le grandi opere inutili ci sono state in Italia ed in Europa grandi mobilitazioni con centinaia di migliaia di persone, un coro polifonico si è levato dalle strade e dalle piazze: cambiare il sistema, non il clima, per uscire da un modo di produzione che, in nome del profitto, sta portando il mondo verso la catastrofe.  Si è avviato un percorso che sta superando parzialità e localismi, per costruire un grande movimento unitario per la difesa del vivente e del futuro. Una scommessa avvincente”.

Gli organizzatori della manifestazione  “Per il mare, fuori dal fossile”, che si terrà a San Foca sabato 20 luglio, alle 10.00, la inquadrano in un ampio contesto nazionale e internazionale, e così la spiegano, invitando tutti a partecipare

“E’ stato pertanto decisa una serie di azioni comunicative e dirette lungo tutta la riviera adriatica previste per il 20 luglio, da Sud a Nord, nelle spiagge, lungo il mare, per dire No alle trivelle, ai gasdotti, alla devastazione dei nostri territori, all’esproprio dei beni comuni, ambiente, paesaggio, qualità della vita e per esigere la sempre più urgente bonifica dei siti inquinati.

Fuori dal fossile, per un altro concetto di sviluppo, di energia alternativa, di un nuovo rapporto con la natura, fuori dal giogo delle multinazionali “estrattiviste” e di rapina, del capitale finanziario e dei governi complici.

Tap è esempio tangibile di tutto ciò.

E’ causa di devastazione dei territori che attraversa e delle economie locali. L’utilizzo di fonti fossili quali il gas è causa non solo dei mutamenti climatici ma anche di quell’ “apartheid climatico” che già costringe milioni di esseri umani alla fuga ed a migrazioni per mancanza di risorse e possibilità di vita.
Resistere e bloccare tutto ciò è non solo un diritto, ma un dovere etico e politico. Indignarsi non basta: organizziamoci per agire dal basso!
Costringiamo le amministrazioni locali ed il governo nazionale a dichiarare lo stato di emergenza climatica.

Anche qui nel Salento il 20 luglio sarà una giornata di iniziative coordinate comunicative, simboliche, di azione diretta, dove ogni singola esperienza si mette in gioco con modalità proprie, ma dentro un orizzonte comune ed obiettivi condivisi.
Partecipa direttamente ed organizza dal tuo territorio, dalla tua spiaggia e mare un risposta forte ai potenti e di alternativa comune. Liberiamo il mare e la terra dalle devastazioni e dai veleni.
A Melendugno ci vediamo sabato 20 luglio alle 10.00 spiaggia di San Foca, lungomare Matteotti, altezza angolo via Salvatore Petrachi”.

Category: Cronaca, Eventi, Politica

Lascia un commento

banner ad
banner ad