COSI’ RIDEVANO. IL CONTE ELETTO, ELETTO DA NESSUNO

| 29 agosto 2019 | 0 Comments

(g.p.)______Un uomo per tutte le stagioni, sì. Non eletto mai da nessuno, sempre al servizio dei tecnici.

Dalla pregressa amicizia – professionale – a Firenze con Maria Elena Boschi, disinvoltamente rivelata lo scorso anno da Matteo Renzi, ai primi agganci cercati e trovati con la politica professionistica che lo portano nel 2o13 a essere scelto dalla Camera dei deputati quale componente laico del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa, l’organo di autogoverno dei magistrati amministrativi.

Con la politica, non con il Movimento 5 Stelle.

Da sempre, per sua stessa ammissione, elettore dei partiti di sinistra, negli ultimi anni non c’è traccia di una sola presa di posizione, di una sola dichiarazione pubblica, di un solo impegno né teorico, né pratico a favore di quelle che erano le tematiche fondanti dell’ ex Movimento 5 Stelle.

Nel giro che conta del M5S, entra per cooptazione, come si faceva nel PCUS e nel PCC,  quale presunto tecnico esperto, sul finire del 2017, quando esso si trasforma nel partito segreto e totalitario gestito direttamente dalla CASALEGGIO ASSOCIATI.

Il resto è la cronaca recente che tutti conoscono.

Il su nome viene speso con successo al momento di formare il governo fra M5S e Lega nel maggio  2018 con il gradimento sicuramente, con l’intercessione probabilmente, dei circoli finanziari che contano.

Qui sotto, quale documentazione, riproponiamo l’articolo – ricerca che scrivemmo il 21 maggio   2018, una specie di chicca, che, riletto oggi, conferma le perplessità di allora.

Prende subito ordini sul gasdotto Tap, sugli aerei F35 e su chissà che altro ancora dal presidente americano Donald Trump.

In Europa, si sottomette all’asse dominante franco-tedesco, di Macron e della Merkel, a quest’ultima anzi chiede esplicitamente aiuto ‘per fermare i populisti’ in Italia.

Insulta in tutti i modi Matteo Salvini, con il quale aveva lavorato fino al giorno prima da leale alleato, per ingraziarsi i nuovi alleati del Pd.

Viene ricompensato con l’incarico di succedere a sé stesso, sia pure in uno scenario e in un contesto completamente diversi, con la benedizione stavolta esplicita e senza riserve dei circoli che contano e degli ambienti illuminati._______

L’APPROFONDIMENTO nel nostro articolo del 21 maggio 2o18

UNA RICERCA SOCIAL / ECCO CHI E’ GIUSEPPE CONTE, COLUI CHE SI VOCIFERA POSSA ESSERE IL NUOVO PREMIER

LA RICERCA nel nostro articolo di questo pomeriggio

CIAONE! LE PAROLE DI UN UOMO PER TUTTE LE STAGIONI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento