banner ad

SGOMBERATA LA EX MANIFATTURA TABACCHI

| 7 novembre 2019 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. L’ufficio stampa del Comune di Lecce ci manda il seguente comunicato______

Questa mattina si è proceduto allo sgombero dell’edificio di proprietà privata Ex Manifattura Tabacchi di Via Birago, in una operazione concordata con Prefettura, Croce Rossa, Polizia, Carabinieri, Polizia Locale e Vigili del Fuoco.

Preavvisate da settimane, le persone che risiedevano nel luogo sono state disponibili e ben disposte a lasciare i locali occupati. Si tratta di sei donne e due uomini di nazionalità bulgara, nessuno dei quali parla l’italiano, che nella nostra città vivono di elemosina. Nello stesso luogo aveva trovato riparo un ragazzo italiano. Quest’ultimo, insieme ad altri sei occupanti, ha scelto di trasferirsi temporaneamente presso Masseria Ghermi, il centro comunale di assistenza alle persone senza fissa dimora gestito dalla Croce Rossa. Le altre due persone, una coppia, hanno trovato ospitalità presso connazionali regolarmente residenti in città.

Le condizioni nelle quali queste persone vivevano nei locali della Manifattura, senza acqua, elettricità, servizi, circondate da rifiuti e discariche abusive di ogni tipo, in un edificio infestato dai topi, erano del più profondo degrado. Il Comune, attraverso un lavoro durato settimane, condotto dall’assessorato al Welfare, ha accompagnato con la massima sensibilità e impegno il trasferimento e ha garantito il supporto necessario a queste persone per la ricerca di soluzioni esistenziali più decorose.

La vicenda di questa mattina prende le mosse da continue segnalazioni provenienti dal quartiere relative al degrado della ex Manifattura, luogo da molti anni afflitto dallo sversamento incontrollato di rifiuti di ogni genere e gravemente infestato da topi. Una situazione alla quale, con apposito ordine di bonifica, è stato imposto alla proprietà dell’edificio di mettere riparo a proprie spese. La presenza degli occupanti è stata segnalata al Comune dai proprietari dell’edificio, che ne hanno chiesto la liberazione prima di procedere alle necessarie operazioni di bonifica e disinfestazione

Category: Cronaca, Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento

banner ad
banner ad