banner ad

AGGIORNAMENTO DALLA PROTEZIONE CIVILE, L’ITALIA TUTTA SPERA DOPO LA SECONDA GIORNATA DI CALO SIA NEI DECESSI, SIA NEI NUOVI POSITIVI AL CORONAVIRUS

| 23 marzo 2020 | 0 Comments

Mav_______Questi i dati fondamentali e che tutti attendiamo: +3.780 persone attualmente positive, +601 pazienti deceduti, +408 guariti nelle ultime 24 ore in Italia.

E però…

I nuovi positivi, oggi come detto 3.780, erano 3.957 ieri domenica e 4.821 sabato.

I nuovi deceduti, oggi come detto 601, un numero ancora tragicamente elevato, ma in diminuzione rispetto a quello di ieri, domenica, 651, e a quello di sabato, 793.

In Lombardia i pazienti al momento positivi sono 28.761, 1.328 dei quali in terapia intensiva. Iss: “La maggior parte dei contagiati presenta sintomi lievi”.

Ancora un doppio calo, dunque, sia nei decessi, sia nei contagi, che lasciano sperare in quel desiderato trend negativo che tutti aspettavamo. Com’è giusto sottolineare, non è il momento di abbassare la guardia, anzi è necessario capitalizzate gli sforzi e i sacrifici finora messi in campo.

 

Intanto questi tutti i dati ufficiali che ci arrivano dalla sede del Dipartimento della Protezione Civile proseguono i lavori del Comitato Operativo al fine di assicurare il coordinamento degli interventi delle componenti e delle strutture operative del Servizio Nazionale della protezione civile.  Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale, al momento 50.418 persone risultano positive al virus. Ad oggi, in Italia sono stati 63.927 i casi totali.

Nel dettaglio: i casi attualmente positivi sono 18.910 in Lombardia, 7.220 in Emilia-Romagna, 4.986 in Veneto, 4.529 in Piemonte, 2.358 nelle Marche, 2.301 in Toscana, 1.553 in Liguria, 1.414 nel Lazio, 929 in Campania, 771 in Friuli Venezia Giulia, 914 nella Provincia autonoma di Trento, 688 nella Provincia autonoma di Bolzano, 862 in Puglia, 681 in Sicilia, 605 in Abruzzo, 556 in Umbria, 379 in Valle d’Aosta, 343 in Sardegna, 280 in Calabria, 89 in Basilicata e 50 in Molise.

 

Category: Costume e società, Cronaca

Lascia un commento

banner ad
banner ad