NIENTE BONUS, LA PROTESTA DEI PROFESSIONISTI

| 24 maggio 2020 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Francesco Viva (nella foto), del Dipartimento Sviluppo Economico del
Movimento Regione Salento, ci manda il seguente comunicato______

PROTESTANO I PROFESSIONISTI PER IL MANCATO RICONOSCIMENTO DEL BONUS DI € 600 PER I MESI DI APRILE E MAGGIO.

Cresce la protesta del mondo dei lavoratori del settore delle libere professioni ed è scontro con il Governo a causa dell’esclusione dal contributo per il Covid- 19.
Per i professionisti che lo hanno ricevuto a Marzo, niente bonus ad Aprile e Maggio, nonostante dal Governo, nella persona del Ministro Gualtieri, ci fossero state sempre rassicurazioni di totale equiparazione tra i lavoratori autonomi degli altri settori ed i liberi professionisti.
Un ulteriore beffa, questa, per una categoria di circa 500.000 p.iva che tra titolari degli studi professionali, dipendenti e collaboratori coinvolgono circa 900.000 unità e che ,da sempre ,vengono trascurate da questo governo.
Frutto di questa ingiustizia  nei confronti delle professioni ordinistiche, sarebbe il mancato riconoscimento nel DL  Rilancio.
Ovviamente, i rappresentati delle categorie coinvolte sperano che ciò sia frutto di un errore e che possa essere corretto, a seguito delle richieste di chiarimenti formulate al Ministro Gualtieri. Il ministro, per tutta risposta, avrebbe evidenziato la diversità di trattamento tra i liberi professionisti (avvocati, commercialisti, ingegneri, geometri, dentisti, ecc.) e le imprese.
Parole inaccettabili da parte dei suddetti professionisti che hanno subito un calo o addirittura un fermo dell’attività durante il periodo della pandemia.
Un intero settore economico che è stato colpito duramente dalla crisi economica.
Sicuramente la grave vicenda non finirà qui perché i Presidenti dei vari Ordini professionali hanno promesso dura battaglia affinché il Governo ponga rimedio a questa incredibile ed ingiusta discriminazione.

 

Category: Cronaca, Politica, Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento