CON I CANTI D’AMORE DI VITA QUOTIDIANA DELLA RACCOLTA “La luna negli occhi” OTTAVIO ROSSANI VINCE IL PRESTIGIOSO PREMIO DI POESIA CAMAIORE

| 20 settembre 2020 | 0 Comments

di Chiara Evangelista______

Lo spoglio delle schede della giuria popolare ha consacrato Ottavio Rossani (nella foto) come vincitore della 32esima edizione del Premio letterario Camaiore, considerato  il più importante riconoscimento italiano dedicato alla poesia.

La kermesse poetica, che ha annoverato tra i vincitori passati poeti come Giovanni Raboni, Giancarlo Pontiggia, Chandra Livia Candiani e Nicola Vacca, ora potrà vantare anche della presenza del giornalista del Corriere della Sera; pubblicato lo scorso anno, fra gli altri, anche dalla casa editrice salentina Quaderni del Bardo di Stefano Donno con la raccolta “Soverato”, e ospite l’altra estate a Lecce di un reading poetico, con tante attrici a leggere i suoi versi in una serata spettacolo.

 

Il libro con cui Ottavio Rossani si è aggiudicato la vittoria ieri sera al premio Camaiore è “La luna negli occhi”, edito da Nino Aragno Editore. La silloge poetica si presenta come un canzoniere d’amore, scelta controcorrente nel panorama liquido odierno.

 

“Perché scrivere una raccolta di poesie d’amore? C’è chi sostiene che dopo Petrarca sia già stato detto tutto e c’è chi continua a scrivere d’amore perché c’è una necessità oggettiva e soggettiva di poter, attraverso la scrittura, quella poetica, esprimere se stessi e i propri sentimenti. Sentimenti che sono universali…” così si esprime Rossani su “La luna negli occhi”.

 

Tiziano Lavorini, membro della giuria popolare, spiega il perché del suo voto a Ottavio Rossani sui suoi profili social: “La mia scelta è ricaduta su di lui perché nelle sue poesie ho trovato immagini del vivere quotidiano, scenari e sensazioni concrete, immediate e condivisibili”.

 

A contendersi l’edizione 2020, oltre al vincitore, gli altri quattro finalisti individuati dalla Giuria Tecnica del Premio: “Spore” di Angelo Gaccione (Interlinea Edizioni), “Consegnati al silenzio” di Paolo Fabrizio Iacuzzi (Bompiani Editore), “Un giorno senza sera” di Roberto Pazzi (La Nave di Teseo) e “Tutto è sempre ora” di Antonio Prete (Giulio Einaudi Editore).

 

La serata è stata presentata dal giornalista RAI Alberto Severi e impreziosita dalle letture dell’attrice Alessia Innocenti. A fare gli onori di casa, il Sindaco Alessandro Del Dotto, l’Assessore al Turismo Gabriele Baldaccini e la Presidente del Premio Rosanna Lupi, alla testa della Giuria Tecnica formata da Michele Brancale, Corrado Calabrò, Emilio Coco, Vincenzo Guarracino, Paola Lucarini e Renato Minore

Durante la serata finale sono stati consegnati i premi già assegnati dalla Giuria Tecnica e dalla Presidente, a partire dal Premio Internazionale al poeta francese Jean Flaminien per “L’uomo flottante” (Book Editore) e dal Premio Speciale 2020 Ennio Cavalli per “Se ero più alto facevo il poeta” (La Nave di Teseo). Spazio anche per le menzioni speciali, Carlo Marcello Conti per “Attraversato da” (Campanotto Editore), Valeria Di Felice per“Il battente della felicità” (traduzione in arabo) (Diyar Edition) e Franco La Cecla per “La terra negli occhi” (Interno Poesia Editore).

Il Camaiore Proposta “Vittorio Grotti”, riservato alle opere prime di autori che non abbiano superato il trentacinquesimo anno di età, è stato consegnato a Gerardo Masuccio per “Fin qui visse un uomo” (Interno Poesia Editore).

 

 

Category: Cronaca, Cultura, Eventi, Libri

Lascia un commento