LECCE A VALANGA SULLA REGGIANA: AL VIA DEL MARE FINISCE 7-1! TRIPLETTA DI CODA, ORA CAPOCANNONIERE

| 21 novembre 2020 | 1 Comment

di Mattia Ala______

Il tecnico del Lecce Eugenio Corini (nella foto) non voleva distrazioni dopo la pausa delle Nazionali, ed è stato accontentato. Il Lecce riprende dove aveva lasciato, con una valanga, questa volta con un risultato ancora più rotondo rispetto a Chiavari. Al Via del Mare la Reggiana è sommersa 7-1.

Il mister giallorosso, come da pronostico, conferma gli undici iniziali che due settimane fa hanno travolto la Virtus Entella, ad eccezione di Calderoni. Il tecnico della Reggiana Alvini, invece, oppone ai salentini un 3-4-1-2. Vediamo la sintesi della gara:

PRIMO TEMPO.

Parte subito forte il Lecce, che al minuto 4 è già in vantaggio con Massimo Coda, imbeccato da un cross di capitan Mancosu dalla destra. Al minuto 20 raddoppio dei salentini sempre dall’asse Mancosu-Coda: il sardo serve centralmente l’Hispanico , che non sbaglia, è 2-0.

Reggiana frastornata dall’ottimo inizio dei padroni di casa, ma  prova comunque a riaprire i giochi con Lunetta al minuto 25, trovando, però, un  Gabriel  prodigioso.

Circa dieci minuti più tardi arriva il tris dei giallorossi: sponda di Coda che trova  Tachtsidis, il quale dal limite lascia partire un sinistro a giro che fulmina il portiere emiliano.

Nel finale della prima frazione di gioco altra grossa opportunità per la Reggiana con una girata di bomber Mazzocchi, ma ancora una volta il portiere di casa ci mette una pezza. Il primo tempo termina 3-0.

 

SECONDO TEMPO.

Seconda frazione di gioco che riprende sulla falsariga della prima. Quasi subito dopo il fischio d’inizio  dell’arbitro Maggioni , Massimo Coda, scatenato,  porta la sua squadra sul 4-0.

La Reggiana, però, non ci sta, e poco dopo si riaffaccia in area salentina, ma non trova la via del gol ancora per merito del monumentale Gabriel, il quale, però,  non può nulla sul colpo di testa di Rozzio al minuto 59, lasciato  libero dalla retroguardia leccese.

Al minuto 68 azione personale di Falco, che di destro trova la prima marcatura stagionale.

La Reggiana è ormai spenta, così nel finale la truppa di Corini dilaga.

Al 74 minuto il solito Mancosu apre sulla sinistra per Majer, e lo sloveno con un destro a giro fa 6-1.

Finita qui? No. Negli ultimi minuti gioia personale anche per Calderoni con un sinistro al volo. Finisce 7-1.

 

Eugenio Corini non voleva distrazioni e così è stato.

Un Lecce cinico, elegante e spregiudicato non lascia scampo alla Reggiana, confermando di avere tutte le carte in regola per ambire ad obiettivi prestigiosi. Dalla prossima settimana, e per tutto il mese di dicembre, i salentini  hanno in programma una serie di match con squadre più quotate,  che ora occupano la parte sinistra della classifica, e allora si potrà tastare con maggiore precisione il  loro potenziale, certo se il buongiorno si vede dal mattino… Ci sarà sicuramente da divertirsi!

Si comincia venerdì prossimo in casa del Chievo, ma intanto ‘stasera è festa in casa giallorossa.

 

 

Category: Sport

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Elena Vada ha detto:

    Caspiterina…. ma non è che avete giocato contro la squadra della Parrocchia…
    Comunque, complimenti…

Lascia un commento