QUALI GUANTI VENGONO USATI NEL SETTORE MEDICO?

| 1 marzo 2021 | 0 Comments

Nel settore medico-sanitario l’igiene è fondamentale, eppure proprio in questi ambienti si creano veri e propri ricettacoli di batteri e germi.

Medici ed infermieri devono quindi indossare appositi guanti medicali protettivi, per tutelare loro stessi ed anche i pazienti che curano.

Il loro utilizzo è necessario non solo in caso di interventi chirurgici, ma anche negli studi, nei laboratori, negli ospedali, nelle case di riposo ecc.

I guanti monouso non assicurano comunque una protezione al 100%, poiché potrebbero strapparsi o rompersi durante le fasi di lavoro. Bisogna quindi controllare periodicamente il loro stato di usura, e sostituirli al momento opportuno.

Insomma il personale medico periodicamente è sottoposto ad un notevole carico di stress, perciò deve usare dispositivi di protezione individuale di ottima qualità, in grado di tutelarlo da qualsiasi imprevisto o rischio.

I guanti hanno però caratteristiche molto diverse, e vanno scelti in base all’utilizzo finale.

Una prima distinzione può essere fatta tra guanti con o senza polvere. La presenza della polvere, composta da amido di mais, consente di indossare velocemente il guanto, inoltre migliora il comfort e la traspirazione.

I modelli senza polvere forniscono sostanzialmente le stesse prestazioni, ma sono progettati per le persone che risultano intolleranti alla polvere.

I guanti possono poi distinguersi tra sterili e non sterili.

I primi assicurano una buona resistenza alla trazione, e generalmente sono realizzati in lattice. Sono indicati per operazioni, parti o diagnosi mediche.

I secondi invece sono indicati per le manipolazioni piuttosto delicate, come prelievi del sangue, pulizia dei pazienti e degli strumenti, ecc. Sono realizzati in lattice, vinile o pvc.

Proprio sul materiale è il caso di soffermarsi, poiché le prestazioni dei dispositivi di protezione possono variare in base alla loro composizione.

Il lattice è uno dei materiali più gettonati, in virtù delle sue proprietà versatili e multifunzionali. Risulta infatti impermeabile, elastico e flessibile, inoltre è anche naturale e biodegradabile, riducendo l’impatto ambientale e l’inquinamento.

 

Sono disponibili in commercio varie tipologie di guanti monouso in lattice, come quelli presenti nella vetrina online di RAJA, pratici e versatili.

I modelli proposti dal brand sono in grado di adattarsi perfettamente ad ogni ambito, offrendo una protezione adeguata a diverse categorie di lavoratori, ed innalzando anche il livello di igiene.

Un’ottima alternativa al lattice è il nitrile, che fornisce prestazioni molto simili e risulta ideale soprattutto per le persone allergiche.

Il nitrile inoltre ha la capacità di conservarsi a lungo, quindi offre ottime performance anche dopo molto tempo. Inoltre risulta più resistente alla perforazione, riducendo i rischi di contagio per il personale ospedaliero.

Category: Costume e società, Cronaca

Lascia un commento