LA TRAGICA MORTE SUL LAVORO DI UN OPERAIO

| 29 aprile 2021 | 0 Comments

(e.l.)______Questo pomeriggio c’è stato un tragico incidente sul lavoro nel porto di Taranto. E’ morto un operaio, di 48 anni, Natalino Albano, gruista, dipendente dell’impresa Peyrani Sud. L’uomo era alla guida del mezzo che al molo quattro (recentemente ampliato, nella foto) stava imbarcando su di una nave un carico di pale eoliche.

La dinamica di quanto accaduto è al vaglio degli inquirenti, che stanno compiendo tutti i rilievi per stabilire l’esatta dinamica ed accertare eventuali responsabilità.

Comunque sia, l’uomo è finito sulla banchina del porto e l’impatto gli è stato fatale.

Il sindacato Uil Trasporti ha annunciato uno sciopero di ventiquattro ore di tutti i lavoratori dell’area portuale.

Il sindacato FLM Uniti – Cub in serata ha diffuso una nota,l in cui scrive: “Pare che il carico si sia staccato dalla nave e per paura di essere travolto, il nostro collega si sia gettato sulla banchina.
Un salto fatale.
In attesa di una ricostruzione più dettagliata, ci stringiamo al dolore ed al cordoglio dei nostri colleghi ed a quello della famiglia.
Non si può continuare a morire per un pezzo di pane…”.

 

 

 

“Dalle 24 di oggi sino alle 24 di domani stiamo proclamando 24 ore di sciopero nel porto di Taranto – ha annunciato Carmelo Sasso, segretario Uil Trasporti -. Molto probabilmente domani, 30 aprile, ci sarà anche un’ora di sciopero nei porti italiani in segno di solidarietà e partecipazione a questa tragedia sul lavoro”.
Incidente mortale sul lavoro oggi pomeriggio nel porto di Taranto, vittima un giovane dipendente della impresa Peyrani Sud, Natalino Albano. L’uomo era addetto al carico di una nave che stava imbarcando pale eoliche prodotte dall’azienda Vestas al quarto sporgente quando, secondo una prima ricostruzione della dinamica, lo stesso carico si sarebbe spostato dalla sua posizione. Per paura di essere investito, l’operaio si è lanciato sulla banchina. Il lancio però è stato fatale e il giovane lavoratore ha perso la vita nonostante la nave fosse separata dalla banchina da un’altezza non eccessiva, pare circa 2 metri. Sul posto le forze di polizia per una più esatta ricostruzione della dinamica dell’infortunio. “Dalle 24 di oggi sino alle 24 di domani stiamo proclamando 24 ore di sciopero nel porto di Taranto – dichiara ad AGI Carmelo Sasso, segretario Uil Trasporti -. Molto probabilmente domani ci sarà anche un’ora di sciopero nei porti italiani in segno di solidarietà e partecipazione a questa tragedia sul lavoro”. (AGI)

Un giovane, Natalino Albano di 48 anni, è morto nell’incidente oggi pomeriggio nel porto di Taranto. Quarto sporgente. Durante la manovra di trasporto di pale eoliche (stando a prime ricostruzioni) l’uomo, dipendente di Peyrani sud, nel tentativo di non perdere l’equilibrio, è invece rovinosamente caduto sulla banchina. Non c’è stato nulla da fare.

Secondo fonte sindacale, 24 ore di sciopero dalla mezzanotte.Al porto di Taranto, un’altra vittima di questa follia.
Muore il giovane Natalino Albano, gruista della Peyrani Sud, mentre era intento nelle operazioni di carico di una nave.
Pare che il carico si sia staccato dalla nave e per paura di essere travolto, il nostro collega si sia gettato sulla banchina.
Un salto fatale.
In attesa di una ricostruzione più dettagliata, ci stringiamo al dolore ed al cordoglio dei nostri colleghi ed a quello della famiglia.
Non si può continuare a morire per un pezzo di pane…

Category: Cronaca

Lascia un commento