OO7 RENZI OPERAZIONE POLEMICA. MA IL LEADER DI ITALIA VIVA SBAGLIA TEMPI E MODI, E PURE LA FOTO

| 4 giugno 2021 | 0 Comments

(g.p.)______Nel 2017, disse che era sbagliato opporsi, con una frase diventata famosa: “E’ solo un tubicino”. Ipse divixt. Ora Matteo Renzi torna a parlare di Tap e dintorni, ma tocca, maldestramente, un nervo scoperto, e suscita una valanga di reazioni, di cui molte sdegnate, soprattutto quelle di cittadini di Melendugno e attivisti contrari al gasdotto. Molti però degli utenti social sono d’accordo con il leader di Italia Viva, ed è normale, seguendolo sulla sua pagina.

Non pervenuti i Cinque Stelle, quel che ne rimane, contro i quali il post di Mateeo Renzi era diretto, in primis i due esponenti da lui citati, che hanno elegantemente glissato.

Vediamo cosa ha scritto.

“Nel mondo grillino vanno di moda le scuse. Molto bene. Proviamo oggi a vedere se si scusano sul Tap, l’opera che Di Battista voleva bloccare col Governo Conte “in 15 giorni” e che invece è stata realizzata e funziona perfettamente.
Vi ricordate cosa diceva Barbara Lezzi, ex ministra grillina a proposito del TAP? ‘Voglio sfidare chiunque a stendere un asciugamano sopra un gasdotto’. Oppure: ‘Saranno sradicati 10.000 ulivi’. Io me lo ricordo bene, perché sul gasdotto TAP, come su AirForce Renzi, Banca Etruria, Open, Jobs Act e tante altre questioni abbiamo subito un attacco quotidiano e scientifico fatto di bugie e insulti che hanno inquinato una intera stagione politica.
Ma il tempo, come sempre, è galantuomo.
Oggi il gasdotto TAP funziona perfettamente, gli ulivi (poco più di 200) sono stati reimpiantati e godono di ottima salute (al contrario dei tanti ulivi infettati da Xylella). E in tantissimi, ogni giorno, stendono il loro asciugamano sulla meravigliosa spiaggia di Melendugno. Che guarda caso, anche quest’anno, è bandiera blu. Bandiera blu, mi spiego?
A che ora arrivano le scuse dei grillini sul Tap?”.

 

Con un comunicato diffuso tramite social, è arrivata questa mattina la risposta ufficiale del Movimento No Tap. Eccola (l’appellativo di 007 è una polemica ulteriore riferita ai poco chiari rapporti del senatore fiorentino con alcuni esponenti dei servizi segreti emersi di recente, nella foto un frame dell’inchiesta giornalistica del programma televisivo Report):

IL SENATORE 007 SBAGLIA SPIAGGIA+++
– Renzi sponsorizza ancora il TAP –
Nell’infelice giorno in cui il tratto SNAM del PRT TAP apre gli sfiati, mettendo in allarme la popolazione, il Senatore, 007 con licenza di spararle grosse, sbaglia spiaggia.
Ci scusi, senatore Renzi, se siamo del luogo, e non ci troviamo in un qualsiasi autogrill a prendere informazioni, ci scusi se a differenza sua noi ci teniamo veramente a questa terra, ma gli scagnozzi che ha liberato in Salento forse non sanno che quella in foto è la parte di spiaggia sbagliata, ovvero il tratto che dal lido “Mora Mora” va al lido “Ensò”.
Onorevole 007, il gasdotto TAP approda più in la.
Ma vorremmo ricordare, al Signor 007, che Tap è a processo per inquinamento della falde acquifere da cromo esavalente e disastro ambientale. Perchè non lo dice questo?
Che qualche albero sarà stato pure reimpiantato, ma come al solito lo stolto guarda sempre il dito, mentre la luna mostra gli sfiati presso la centrale con tanto di emissioni inquinanti e climalteranti.
Come mai l’onorevole investigatore non dice tutto questo? Che motivo ha di continuare a dare una visione parziale e distorta dei fatti? Vuoi vedere che la risposta sta nel fatto che fa da sponsor a queste grandi opere estrattiviste? – sponsorizzazione che tra l’altro porta avanti da sempre-
Insomma vorrebbe essere per Eni e consorelle, ciò che Tony Blair è nel Regno Unito per la BP (British Petroil). Ahi loro gli tocca il toscano.
Come dice il Senatore 007, qualcuno dovrebbe chiedere scusa. Bene, aspettiamo le sue.
Ma lo avvertiamo già da ora: non verranno accettate, perché “errare è umano, ma perseverare è renziano”.
Altro punto del suo intervento che ci lascia con l’amaro della rabbia in bocca, è l’aver utilizzato un problema sociale e ambientale e la popolazione che sta subendo tale scempio, per delle schifosissime e patetiche beghe politiche. Come a voler far ancora credere che ci sono delle differenze tra il suo partito e PD-M5S-FI-ID-LN ecc… – sono tutti ingranaggi dello stesso sistema – Ma se queste querelle tanto appassionano il Senatore tanto da farlo sorridere anche quando di mezzo c’è al vita delle persone, a noi lasciano esterrefatti.
Dovrebbe ricordare il Senatore che fu proprio il suo governo che, oltre a dare una grossa mano a Eni in Basilicata e a Ilva a Taranto, a sponsorizzare quest’opera inutile, socialmente non sostenibile, oltre che climalterante e che oggi stiamo pagando in bolletta.
Bene caro Senatore 007, complimenti per il suo tappeto verde sotto cui nascondere l’immondizia di TAP. Un tappeto verde, come quelli su cui si scommette, verde come il colore di quei soldi che valgono più della vita delle persone.
Senatore, prima o poi, ne dovrà rendere conto a tutti”.

 

Fin qui il Movimento No Tap.

Cos’altro aggiungere?

Un’uscita infelice, quella di Matteo Renzi, ecco, che polemizza, tanto per tenere viva l’attenzione sul suo minuscolo partitino, con i Cinque Stelle, con i quali ha governato e continua a governare, e sui quali pesa la responsabilità terribile di aver inferto una ferita mortale al sistema della democrazia, avendo ingannato gli elettori, con le loro promesse non mantenute.

Più ci penso e più mi convinco che il loro a monte sia stato non solo un vulnus della democrazia, ma una vera e propria azione premeditata e sistematica, come apparve chiaro fin dai primi giorni in cui andarono al governo e cominciarono a glissare.

Altro che scuse: un favore, han fatto, i Cinque Stelle,a Matteo Renzi e alle lobby economiche e agli interessi dell’alta finanza internazionale che sottendono il gasdotto Tap, opera inutile, dannosa e pericolosa.

Ora i Cinque Stelle sono avviati decisamente all’estinzione politica, ed è pure inutile continuare a prendersela con loro, con quel che ancora ne rimane.

Ma la loro terribile responsabilità storica funzionale al sistema di potere che han combinato, rimane. E non basterebbero ad estinguerla tutte le scuse del mondo, agli elettori e ai cittadini che hanno così squallidamente tradito.______

L’APPROFONDIMENTO nel nostro ultimo articolo sulla questione, del 16 maggio scorso

UN COMUNICATO DI QUESTA MATTINA DEL COMITATO NO TAP, NEL DECENNALE DELLA POSA DELLA PRIMA…CARTA, PONE QUESTIONI IMPORTANTI E SOLLECITA RIFLESSIONI DI ATTUALITA’. LA PARTITA NON E’ ANCORA CHIUSA

 

 

 

 

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento