FLOP NAZIONALE: MANCINI RIMANDATO A MARZO

| 16 novembre 2021 | 0 Comments

di Mattia Ala______

Sono passati appena quattro mesi, eppure sembrano lontani i tempi in cui l’Italia spediva a casa il Belgio con un sonoro 2-0, oppure batteva ai rigori, dopo aver comunque combattuto, Spagna e, in finale agli Europei, l’Inghilterra.

Bene, le prime prove da Campioni d’Europa sono state deludenti, a cominciare dalla sosta di settembre.

Dopo la stupenda estate del 2021, gli Azzurri nelle qualificazioni mondiali hanno portato a casa quattro pari ed una sola vittoria contro Svizzera, Irlanda del Nord e Bulgaria……manco stessimo dicendo Germania e Spagna….

Ma ciò che preoccupa maggiormente, al di là dei risultati, al di là dei calci di rigore che sbagliano anche i fenomeni, al di là della penuria  di centravanti,   è la  fragilità caratteriale dimostrata dalla Nazionale  contro avversari degni, ma  non certamente di pari livello tecnico.

E se gli elvetici hanno già staccato il pass per Qatar 2022,  gli Azzurri, se vogliamo adoperare il gergo universitario,  dovranno ripresentarsi all’esame di riparazione fissato per il prossimo marzo, i playoff… sono infatti disponibili ancora tre posti per poter partecipare alla rassegna iridata.

Naturalmente la lotteria per gli spareggi è infida, tortuosa e complicata…..pensate che potrebbe toccarci nuovamente la Svezia….Quella stessa Svezia che ci eliminò dalla fase finale dei Mondiali l’ultima volta, nel 2018…Paura eh?

Con i dovuti scongiuri ci sentiamo di dire che il ct  Mancini possiede  tutte le capacità di riportare a galla la barca che affonda, anche se speriamo che il campionato italiano possa mettere in luce qualche giovane talento in grado di rinvigorire la squadra.

E allora non ci riesca che augurare al ‘Mancio’ buon studio! Ci rivediamo all’appello di marzo!

Ma per favore ci presenti una squadra diversa da quella di ieri, francamente inguardabile, che, alla prova decisiva, contro avversari men che medio-mediocri, ha dimostrato di non avere energie fisiche e nemmeno mentali, capace di non fare praticamente nemmeno un vero tiro in porta, mentre avrebbe dovuto aggredire e segnare subito, per porre fine subito alla storia.

Lui oggi sui social si dice fiducioso e anzi sicuro di andare ai Mondiali, anche per esorcizzare quella che sarebbe una disfatta insostenibile per il sistema-calcio italiano, già abbondantemente provato da tutta una serie di ragioni. Fate pure tutti gli scongiuri che volete, ma quattro anni fa diceva così anche il suo predecessore Gian Piero Ventura….

Category: Sport

Lascia un commento