LUANA DELLA GATTA A GALATONE MERCOLEDI’ 20

| 17 Luglio 2022 | 0 Comments

di Raffaele Polo  ______

A Galatone, mercoledì 20 luglio  TU NON CONOSCI IL SUD: La musicalità della parola nella poesia salentina del Novecento

La liricità di Bodini, Pagano, Comi, Toma nella musica di Luana Della Gatta

pianoforte e voce Luana Della Gatta (nella foto)

clarinetto e sassofoni Marco Chiriatti

contrabbasso Stefano Rielli

 É ghiotta l’occasione di ripercorrere i versi e le atmosfere dei nostri maggiori poeti, in un contesto a dir poco splendido come il Palazzo Marchesale di Galatone. In scena mercoledì 20 luglio (ore 21.30) il concerto dedicato alla musicalità della parola nella poesia salentina del Novecento, Tu non conosci il Sud, con le musiche di Luana Della Gatta (pianoforte e voce), in ensemble con Marco Chiriatti (clarinetto e sassofoni) e Stefano Rielli (contrabbasso). La stagione estiva de ‘Il Giardino delle Arti’ è ideata ed organizzata dall’Associazione Tracce Creative, nell’ambito dei progetti giovanili e culturali di ‘Generazioni di Comunità’ e ‘Distanze_Zero’ nel giardino del Palazzo Marchesale di Galatone. Questo concerto, in particolare, punta l’attenzione sulla ricerca della sonorità della parola attraverso la costruzione melodica delle poesie degli autori salentini, Vittorio Bodini, Vittorio Pagano, Salvatore Toma, Girolamo Comi, in uno stile compositivo ispirato all’aria della prima metà del Novecento, proposta in un’ambientazione vicina al jazz.  L’intero concerto tende a esaltare i caratteri più nascosti dei poeti salentini:

Bodini, poeta dalla sensibilità estrema, supremo cantore di un sud mitico, ancestrale, interpreta il barocco “…non tanto e non solo come uno stile architettonico e artistico che ha dato a Lecce la sua inconfondibile fisionomia ma come una condizione dello spirito in cui si riflette il senso del vuoto, l’horror vacui, che i leccesi cercano di colmare con l’esteriorità, l’ostentazione, l’oltranza decorativa, tipica delle chiese e dei palazzi della città” come ha scritto in un rinomato saggio il professor Giannone. Su tutto, le visioni vivide, il simbolismo tragico e la secolarizzazione infinita del sud, il mistero “della luce/che splende e non esiste” della liricità libera di Vittorio Pagano, l’insofferenza all’ipocrisia e alla consuetudine nella scrittura sonora di Salvatore Toma, l’interiorità ed il disordine esistenziale nell’irregolarità della metrica di Girolamo Comi e nella tensione-ascesa verso lo spirito d’armonia.

Pianoforte, sax e clarinetto, contrabbasso e la voce della stessa compositrice interpretano le composizioni originali della stessa pianista, in una costante ricerca di equilibrio sonoro e di un’espressività chiara, di comunicazione emotiva in un continuo reinvio tra significante e significato. Bravissima ed apprezzata Luana Della Gatta Pianista poliedrica, con un ampio background di studi ed esperienze musicali, spazia dalla musica classica al jazz, al gospel, al pop, rock e colonne sonore. È arrangiatrice, compone, dirige orchestre e big band jazz, cori ed ensemble strumentali. Ha realizzato e arrangiato le musiche per il film “Nuovomondo” di E. Crialese, Leone d’Argento al Festival del Cinema di Venezia 2006 e del documentario “Che Saccio” di C. D’ Arcimoles (Venezia 2008). A 16 anni ha intrapreso una carriera concertistica soprattutto nell’ambito della musica polifonica e operistica in tutta Europa, con concerti in prestigiosi centri culturali-musicali. Ha collaborato con importanti produzioni e case discografiche (Rai, Sony, Wep/Rca, Parco Della Musica, Dodicilune) e lavorato con artisti di grande rilievo: Mauro Pagani, Stewart Copeland, F. Bosso, A. Tavolazzi, Raiz, Teresa De Sio e Radiodervish e suonato inoltre con R. Zero, P. Belli, M. Ranieri, A. Ruggiero, Pooh, R. Arbore, Notte della Taranta ed orchestre di programmi Rai.

 ______

PORTA 21.00-SIPARIO 21.30

Costo Biglietto Posto unico €8

GIARDINO DEL PALAZZO MARCHESALE DI GALATONE –Piazza SS Crocifisso, Galatone

Info e prenotazioni: Tracce Creative 338.4960251 – 329.7155894

Category: Costume e società

Lascia un commento