LA MOSTRA D’ARTE “Parla del tuo Villaggio”

| 19 Luglio 2022 | 0 Comments

di Raffaele Polo ______

Si inaugura giovedì 21 luglio “Parla del tuo Villaggio”, secondo capitolo di una ricerca a lungo termine sul tema dell’abitare, che accompagna la programmazione artistica di KORA – Centro del Contemporaneo, negli spazi del Palazzo Baronale De Gualtieriis a Castrignano de’ Greci.

Congiuntamente, sarà inaugurata anche l’opera permanente del duo di artisti Bianco-Valente. È un allestimento complesso e sviluppato su diverse realtà:

La mostra, a cura di Paolo Mele e Claudio Zecchi, è la prima di tre allestimenti che si succederanno nel corso dell’anno con l’intenzione di integrare una visione più complessa attraverso un corpo ampio e plurale di voci, che si diramano attraverso formati differenti come masterclass, talk, proiezioni e performance.

Oltre ad inaugurare il secondo capitolo sull’abitare, sarà inaugurata l’opera permanente d’arte pubblica del duo Bianco- Valente e installata sulla facciata del Palazzo che ospita KORA, alla presenza degli artisti e delle autorità pubbliche.  A Seguire talk con il duo di artisti e la performance sonora dell’artista Alessandra Eramo. 

Se il capitolo sulla casa, Home Sweet Home – esplorazioni dell’abitare, è stato un modo per interrogarsi sulla dimensione istituente di un Centro di produzione e ricerca sul contemporaneo, quello sul Villaggio è invece un modo per riflettere su cosa significhi fare produzione culturale in un’area liminale, in un piccolo centro, coinvolgendolo in tutte le sue maglie.

Occasione di una riflessione più ampia sulle potenzialità offerte da un villaggio, è stato il workshop di arte pubblica realizzato presso KORA nell’estate del 2021, coordinato dal duo di artisti Bianco-Valente.

Risultato del workshop un murale dal titolo A chi appartieni firmato collettivamente dai partecipante, realizzato presso l’Istituto Comprensivo Corigliano d’Otranto-Melpignano-Castrignano de’ Greci e l’opera permanente Parla del tuo Villaggio di Bianco-Valente.

Questa, una scritta al led installata sul frontone dell’ingresso ovest di Palazzo de’ Gualtieriis, dà il titolo all’intera mostra, divenendo anche uno statement dell’intenzione di aprire e rendere organica la proposta culturale all’interno del territorio in cui si opera.

La scritta prende le mosse da una citazione del poeta russo Lev Tolstòj che, integralmente, recita: «Se vuoi essere universale parla del tuo villaggio». Con questa frase s’intende affermare che prendersi cura di una piccola città situata in una ideale linea marginale, significa prendersi cura della vita umana nella sua essenza e nei suoi estremi e, quindi, anche della sua cultura.

Se il titolo della mostra s’ispira all’opera di Bianco-Valente, due sono invece i testi che ne strutturano la base teorica: Utopie realizzabili (1974) di Yona Friedman e Aldilà delle isole galleggianti (1985) di Eugenio Barba che intendono indagare la possibile spinta utopica che risiede nei piccoli gruppi, nei movimenti marginali e nella forza del lavoro collettivo.

Gli artisti coinvolti in questo primo allestimento, che prevede opere già esistenti ma rivisitate per l’occasione come Sgarida/Voice of the Valley di Enzo Umbaca o untitled [anarchitettura] di Andrea Nacciarriti, o nuove produzioni come l’installazione video di Theodoulos Polyviou e Alfatih According to some e i Fatterelli di Giuseppe De Mattia,  alimentano uno slancio verso un’idea dell’abitare, che apre a possibilità più ampie, in cui realtà e finzione si integrano maturando e mantenendo un continuo rapporto dialettico tra di loro.

Nel corso dei tre allestimenti, che si alterneranno, nel tempo saranno presentati anche i materiali di ricerca prodotti durante la masterclass in residence DEFAULT che per la sua sesta edizione prende il titolo di Floating Islands. Un concept che indica il momento di passaggio da un luogo sicuro ad uno incerto in cui esplorare nuove possibilità.

In continuità con la mostra precedente anche Parla del tuo Villaggio avrà la durata di un anno: 21 luglio 2022 – giugno 2023.

Il primo allestimento durerà fino al 18 novembre 2022

 Artisti in mostra:

Bianco-Valente, Filippo Berta, Carlos Casas, Francesco Cavaliere, Luigi Coppola, Giuseppe De Mattia, Alessandra Eramo, Claudia Losi, Theodoulos Polyviou e Alfatih, Andrea Nacciarriti, Enzo Umbaca, Marco Maria Zanin.

Performance: Alessandra Eramo

Opera permanente: Bianco-Valente

Murale collettivo (Il murale è un progetto del Comune di Castrignano de’ Greci, coordinato da Bianco Valente, prodotto e curato da Ramdom, realizzato da 167/B street nel maggio del 2022 con il contributo della Regione Puglia – “Street Art – La cultura si fa strada”):

Grazia Amelia Bellitta, Paolo Bini, Alice Caracciolo, Alice Di Nanna, Elena Eugeni, Sara Fiorentino, Rebecca Fuso, Nicola Guastamacchia, Vincenzo Luchena, Mariantonietta Clotilde Palasciano, Rossana Viola, Apo Yaghmourian  . Progetto grafico a cura di Grazia Amelia Bellitta

KORA, c/o Palazzo De Gualtieris, Castrignano de’ Greci (Lecce)

Via Vittorio Emanuele, 19

info: info@k-ora.it – 366 319 9532

Category: Cultura, Eventi

Lascia un commento