CONTROLLI E PERQUISIZIONI CON CANI ANTIDROGA : UN ARRESTO E UNA DENUNCIA A VERNOLE

| 14 giugno 2015 | 0 Comments

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(t.l.)______Nella giornata di ieri, i Carabinieri di Vernole, coadiuvati dai colleghi delle Stazioni di Lecce Principale, Calimera, Lizzanello e Melendugno, con l’ausilio del Nucleo Carabinieri Cinofili di Modugno, hanno effettuato attività di polizia giudiziaria per la repressione dello spaccio di stupefacenti.

Nell’occasione, in forza di alcuni decreti emessi dalla procura di Lecce firmati da Stefania Mininni , dalle prime ore della mattinata i militari hanno bussato alle abitazioni di alcuni cittadini di Vernole per eseguire delle perquisizioni personali, veicolari e domiciliari.

In particolare, tra gli altri, i Carabinieri si sono recati presso l’abitazione di Matteo Margiotta (nella foto), 23 anni, operaio, il quale, all’atto della perquisizione, era già al lavoro.

Avvisato da parte dei propri familiari, il Margiotta è tornato presso la propria abitazione e, reso edotto delle ragioni della presenza dei Carabinieri, ha dichiarato di avere nella sua disponibilità soltanto una dose di hashish che ha prontamente consegnato ai militari operanti, affermando di non avere altra sostanza stupefacente occultata.

Ciononostante, i Carabinieri hanno comunque dato corso alla perquisizione, avvalendosi anche del cane antidroga, e hanno rinvenuto a casa, ben occultati in vari posti, due panetti di hashish del peso complessivo di  90 grammi lordi confezionati con cellophane, due bilancini di precisione, un trita tabacco intriso di sostanza stupefacente, un coltello da cucina con lama intrisa di sostanza stupefacente, undici piccoli involucri di hashish del peso complessivo di gr.13,5 e un involucro di marijuana del peso complessivo di un grammo. Inoltre, veniva altresì rinvenuta una sciabola modello katana, sulla quale sono in corso ulteriori accertamenti (nella foto).

Per tale motivo, il giovane è stato tratto in arresto per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, e su disposizione del pubblico ministero di turno Massimiliano Carducci, è stato posto in regime di arresti domiciliari.

Nel prosieguo dell’attività, i Carabinieri hanno anche denunciato in stato di libertà D.D.N., 18enne di Vernole, per detenzione illegale di parti di armi, nonché per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti: nella sua abitazione sono stati rinvenuti 2 grammi di marijuana, una pianta di “cannabis indica” in vaso e 2 proiettili per pistola calibro 7.65; infine hanno altresì segnalato alla Prefettura di Lecce G.G., 23enne di Vernole, per detenzione di sostanze stupefacenti, in quanto trovato in possesso all’interno della propria abitazione di una dose di marijuana da mezzo grammo.

 

Category: Cronaca

Lascia un commento