L’ ALTRA PUGLIA CHIEDE DI FERMARE LE TRIVELLE IN MARE

| 15 giugno 2015 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Da ‘L’Altra Puglia’ riceviamo e volentieri pubblichiamo______

Lo avevamo denunciato durante la campagna elettorale e lo confermano i fatti. Il governo Renzi , attraverso lo Sblocca Italia, ha intenzione di asservire la nostra Puglia ed il nostro mare agli interessi delle grandi multinazionali dell’energia. Adesso, subito dopo le elezioni regionali, vengono concessi, attraverso il Ministero dell’Ambiente, i primi permessi per progetti di prospezione per la ricerca di idrocarburi nel nostro mare.

La NorthernPetroleum potrà quindi utilizzare la tecnica dell’air gun per scandagliare i fondali tra Bari e Brindisi alla ricerca di giacimenti petroliferi. Potrà quindi utilizzare una tecnica che avrà effetti devastanti sull’ecosistema marino.

Il tutto avviene senza tenere in alcun conto il parere dei pugliesi e le precedenti determinazioni del Consiglio Regionale che si era già rivolto alla Corte Costituzionale contro gli articoli dello Sblocca Italia riguardanti le trivellazioni in mare.

L’Altra Puglia ritiene ora indispensabile che il neo eletto Presidente della Regione Puglia Emiliano ed il Consiglio Regionale tutto si opponga ai decreti VIA rilasciati dal Ministero dell’Ambiente ricorrendo al TAR ed utilizzando tutte le possibili vie legali per contrastare le scellerate scelte del Governo Renzi.

Riteniamo inoltre indispensabile l’avvio di un percorso per una mobilitazione generale in Puglia. E’ fondamentale che i cittadini pugliesi facciano sentire forte la propria voce.

 

 

Category: Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento