PRESENTATA LA NUOVA SOCIETÀ DEL LECCE. ECCO I PROTAGONISTI

| 26 giugno 2015 | 0 Comments

di Laura Ricci_________

Accolta da una sala stampa (nella foto) colma di giornalisti come non si vedeva da tempo, ha fatto la sua prima apparizione davanti al popolo giallorosso la nuova società del Lecce, rappresentata ai microfoni dall’avvocato Saverio Sticchi Damiani che ha portato avanti la trattativa per l’acquisizione del club salentino.

Savino Tesoro ha voluto salutare per l’ultima volta l’ambiente leccese, rinnovando il ringraziamento nei confronti di tutti coloro i quali si sono comportati con onestà e dando uno sguardo ai possibili scenari futuri, fino a ieri inaspettati: “Spero di aver concluso un’ operazione condivisa da tutti, da quelli con la cravatta e quelli senza. Avrei voluto lasciare questa squadra in serie B, ma forse non ce l’ ho fatta, dico forse perché c’è la possibilità di un colpo di scena viste le vicende che stanno accadendo. Tra fallimenti e scandali societari, c’è la possibilità concreta di un ripescaggio del Lecce in Serie B. Faremo di tutto per sfruttare al massimo questo scenario”.

Sulla trattativa poi: “Mi sento sereno, avevo promesso che avrei lasciato il Lecce in mani migliori delle mie e spero che sia riuscito a farlo, Sticchi Damiani è una garanzia per tutti. Ritengo di aver fatto anche più di quello che si potesse pensare per far si che questa operazione andasse a buon fine”.

Ha poi preso la parola Saverio Sticchi Damiani :“È stata una trattativa veloce, ma nonostante questo abbiamo deciso di costruirla su basi solide. Quando dico “il Lecce ai leccesi” non voglio dare un segnale di discontinuità nei confronti della società che va via adesso, anzi, a loro va un ringraziamento per aver salvato il Lecce in questi anni e per aver fatto quello che i leccesi non hanno saputo fare. Non c’è stato nessuno qui in questo territorio né fuori a essere interessato a comprare una società in Lega Pro perché in questa serie si perde solo denaro. Il Lecce non poteva mai interessare i creditori che volessero farne del business, i veri interessati come noi sono quelli che hanno coinvolgimenti di cuore e di passione nei confronti di questi colori”.

L’avvocato si è poi espresso sul possibile scenario di ripescaggio in Serie B: “Oggi non ne parlerei, primo perché è presto, secondo perché non c’ è nemmeno bisogno di dubitare, se ci fosse la seria possibilità di essere ripescati in Serie B noi saremo pronti a farlo e ad affrontare la situazione”.

Il discorso è proseguito scendendo nei particolari della nuova società: “La società entrante è frutto di un’ idea degli ultimi tempi legata al fatto che, se non ci fossimo mossi in maniera concreta, nessun altro avrebbe salvato il Lecce.

Ho messo insieme professionisti seri dal punto di vista dell’ impegno ma anche economico. L’ imprenditore di riferimento sarà Enrico Tundo, che già faceva parte del CDA della gestione Tesoro. È un giovane imprenditore che ha una societa che opera nel settore trasporti e ha le caratterestiche della salentinità, passione e voglia di fare bene. Ci sarà una persona giudirica, Corrado Liguori, imprenditore che opera nel settore finanziario che ha manifestato la sua disponibilità a creare un gruppo di persone che si sono proposte per partecipare al blocco principale dell’ Us Lecce, dimostrando che se si vuole dare una mano seria e concreta si può fare, con i fatti e non con le parole. Ferdinando Aiello sarà l’ unico non leccese del gruppo, è stato subito chiamato da me per parteciparvi.

Sono contento perchè siamo riusciti a stipulare un accordo con un grosso sponsor nazionale di cui non farò il nome perchè mi piace parlare a fatti conclusi. Non era immaginabile pensare a una società che subito sapesse muoversi nel mondo del calcio, per questo ho voluto coinvolgere Romualdo Corvino, che è una persona affezionata al territorio e già presente nell’ ambiente calcistico. Non escludo che in futuro ci possa essere un ruolo più concreto da parte sua, ma adesso si parla di semplice supporto tecnico viste le complicazioni giuridiche che implica il tutto. Stefano Trinchera sarà il nostro direttore sportivo, ha vestito la maglia del Lecce in Serie A, è giovane ma già competente dell’ area tecnica in serie inferiori, apprezzatissimo dopo le sue esperienze a Brindisi e Francavilla.

Per quanto riguarda il progetto, non è improvvisato ma guarda lontano, abbiamo programmato bene, sappiamo qual è il nostro budget e vogliamo che il Lecce non sparisca, iniziando con il risanare gli aspetti economici della società. Non interessa a nessuno continuare a buttare denaro in un campionato diseconomico, quindi è chiaro che il primo obiettivo è quello di essere competitivi il più possibile. Grossi investimenti economici saranno concrentrati sul settore giovanile”.

Parlando dei tifosi, non posso dire niente agli abbonati di quest’anno, ringrazio quelle persone che incondizionatamente sono continuate ad andare allo stadio. Vogliamo coinvolgere tutti gli altri, coloro abituati a stare a casa, pronti a puntare il dito e a dare tutto quanto troppo per scontato”.

Stefano Trinchera, ex calciatore del Lecce nella massima serie e ora neo direttore sportivo del Lecce, ha esternato felicità, entusiasmo e convinzione dei propri mezzi: “Per me è un sogno che si avvera, dopo aver vestito questa maglia non potevo desiderare qualcosa di meglio di un ruolo dirigenziale. A me piace avere un profilo basso, lavorare sotto traccia, non parlare tanto, facendo di tutto per ricambiare la fiducia che mi si sta dando. Ho una grande responsabilità perché mi sento coinvolto emotivamente, cercherò di fare il massimo perché questa è una grande piazza. Provengo da esperienze in Eccellenza ma a me non spaventa assolutamente iniziare questo percorso, qui dove ho la voglia di emergere e di fare bene. Sono consapevole che sarà dura ma io conosco solo il lavoro, è quello che mi permetterà di andare avanti.”

Il DS giallorosso ha infine fatto un quadro generale sul futuro: “Il progetto tecnico sarà importante, ci muoveremo per avere delle prime linee, andremo a fare le cose che servono e cercherò di valutare la rosa attuale e i possibili potenziali allenatori. Vogliamo trovare una guida che abbia i requisiti giusti dal punto di vista tecnico e morale. Stiamo pensando a qualcuno, i tempi stringono e noi saremo operativi sin da subito.”

 

 

Tags:

Category: Sport

Lascia un commento