PROVERBIO SALENTINO DI OGGI LUNEDI’ 29 GIUGNO

| 29 giugno 2015 | 0 Comments

UATAGNA CCHIUI LA MAMMA CU LLU CULU,  CA LU SIRE CU LU MULU.
Letteralmente: guadagna di più la madre col fondo schiena che il padre con il mulo. Ossia è più facile vendere il proprio fondo schiena che rompersi la schiena con il lavoro. Il riferimento al mestiere più vecchio del mondo,  alla prostituzione femminile, e ai facili guadagni è evidente, ma il proverbio veniva usato indistintamente sia per le donne che per gli uomini, che svendevano il proprio corpo o la propria dignità.
Una volta l’onore veniva prima di tutto, la parola data era sacra, sopratutto tra le persone umili.
“Sinti nna puttana”, questa frase nel capoluogo salentino, la si utilizzava per apostrofare, uomini e donne, la si usava seriamente o scherzando, la si proferiva per esempio, nei confronti di un amico che per avere un proprio tornaconto, aveva tenuto un comportamento non in perfetta sintonia con la morale corrente, o  un comportamento sfacciato. A volte nei confronti di chi era solito raccogliere le confidenze di amici e conoscenti, per poi spettegolare alle loro spalle.
Una volta nel Salento, la scorrettezza veniva sanzionata con forza, e se un uomo o una donna, non agivano in modo decoroso, erano messi all’indice persino dai propri amici.
Ecco, forse questo proverbio dovremmo ricordarlo a chi in questo periodo sta pensando di prostituirsi, svendendo la propria terra, la propria dignità ai nuovi padroni che con le tasche piene di soldi vorrebbero comprare tutto e tutti.
_______________________________________

Oggi la Chiesa cattolica festeggia i Santi Pietro e Paolo Apostoli e Martiri.
__________________________________________________________

Il 29 giugno del 2000 muore Vittorio Gasman è stato attore, regista, sceneggiatore e scrittore. Ha lavorato nel cinema in televisione e in teatro.
Soprannominato “Il mattatore” , è considerato uno dei migliori e più rappresentativi attori italiani, ricordato per l’assoluta professionalità (al limite del maniacale), per la versatilità e il magnetismo. Artista con profonde radici nel mondo del teatro più “impegnato”, fu fondatore e direttore del Teatro di Arte Italiano. La lunga carriera in Italia e all’estero comprende produzioni importanti, così come dozzine di divertissement che gli diedero una vasta popolarità.Con Alberto Sordi, Ugo Tognazzi, Marcello Mastroianni, e Nino Manfredi è stato definito  uno dei “mostri”della commedia all’italiana.
Rimase epico lo scontro con il grande attore e regista salentino Carmelo Bene.

Category: Cultura

Lascia un commento