DENUNCIATO PER AVER PESCATO DATTERI DI MARE

| 26 Agosto 2015 | 0 Comments

(t.l.)______I datteri di mare non possono essere pescati. Un uomo di Brindisi questa mattina è stato sorpreso con una rete piena, dopo aver lasciato le acque davanti al porto. Gli sono stati sequestrati i datteri, ributtati in mare, oltre all’ attrezzatura da subacqueo e il motorino con cui aveva cercato di scappare agli agenti della Polizia, che lo hanno inoltre denunciato per pesca illegale, e detenzione e commercio abusivi del dattero di mare.

L’ occasione è preziosa per ricordare che la pesca del dattero di mare (Litophaga litophaga) è vietata dal 1988 in Italia e dal 2006 in tutta la Comunità Europea. Si tratta infatti di molluschi che vivono all’interno delle rocce (nella foto) e che nel tempo scavano dei buchi sempre più grandi per insediarsi: l’ unico modo per pescarli è distruggere la roccia, con martellate, proprio come aveva  fatto l’ uomo scoperto oggi, al quale, fra le altre cose, è stato sequestrato pure un grosso martello.

E distruggere le rocce marine provoca gravi danni all’ ecosistema.

Ancora, giova ricordare che se per caso si vedono questi mitili serviti in un ristorante, bisogna avvertire le forze dell’ ordine, in particolar modo il corpo forestale dello Stato.

 

Category: Cronaca

Lascia un commento